Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

A Rosso Cosenza si parla di vitigni autoctoni. Verso l’Enoteca, visita guidata

Importante e qualificato evento dedicato al vino e ai produttori vitivinicoli organizzato dalla Provincia di Cosenza presieduta da Mario Oliverio

Botti di legno per il vino (foto di repertorio)

Botti di legno per il vino (foto di repertorio)

Un evento dedicato al vino, alle produzioni del territorio, agli elementi  di cultura di cui è portatore. Così Rosso Cosenza, organizzato dalla  Provincia, che si terrà  giovedì 20 dicembre, nel Palazzo di Piazza XV Marzo, con la partecipazione delle aziende vitivinicole cosentine. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata dalla Provincia di Cosenza il 19 dicembre 2012, e che riportiamo integralmente. Una occasione, la manifestazione, per parlare ed incontrare un mondo produttivo ricco e qualificato, che servirà ancora per presentare  il progetto dell’Enoteca regionale della Provincia di Cosenza che sarà inaugurata a breve, dopo la fine del lavoro di restauro degli spazi che la ospiteranno, nella storica sede dell’Amministrazione Provinciale. L’Enoteca, presentata dal presidente Mario Oliverio ed i cui locali saranno visitabili nel corso della manifestazione, oltre a raccogliere i marchi della produzione sarà luogo di promozione, valorizzazione, informazione sui vini prodotti nella provincia di Cosenza ed in Calabria. “Rosso Cosenza - anticipa il presidente Mario Oliverio - è un evento che quest’anno accoglie una connotazione in più, in vista della prossima apertura dell’Enoteca regionale della Provincia di Cosenza che vogliamo presentare al pubblico prima della sua inaugurazione ufficiale. Parlare dei nostri vini, significa parlare di identità e di forti legami che incontrano lavoro, storia, tradizione, ma anche capacità di rinnovamento. I nostri vini hanno oggi raggiunto livelli di qualità riconosciuti e per questo sempre più apprezzati e costituiscono una ben definita e riconoscibile  nicchia che può ben aspirare a traguardi sempre più ambiziosi. Un obiettivo per il quale occorre  immaginare un preciso  percorso,  che deve essere sostenuto”. L’inizio di Rosso Cosenza  è fissato per le ore 17,00 con un approfondimento su “Gaglioppo, magliocco, calabrese: tre declinazioni di rosso”. Dopo la presentazione del progetto dell’Enoteca e la visita ai locali che la ospiteranno, seguirà una degustazione nella Sala degli Specchi del Palazzo di Piazza XV marzo.


Fin qui la nota stampa ufficiale. Local Genius vuole ricordare che, essendo la produzione di vino calabrese di qualità una piccola nicchia rispetto alle dimensioni nazionali, le azioni di promozione e valorizzazione, professionali, razionali e intelligenti sono assolutamente indispensabili. Il vino della Calabria non si può confrontare con i grandissimi numeri, per cui ha bisogno di portare con sé il valore aggiunto dellla sua storia, del suo radicamento nel territorio, delle sue radici culturali. Un ragionamento, certo, che è vero anche per altri contesti. Per l'antico Bruzio, però, l'assioma è, come dire, ancora più saldo e strategico, in quanto una piccola produzione (se paragonata ovviamente a quella di regioni come Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, ma anche le stesse Puglia e Sicilia) ha la necessità assoluta di trovare un suo spazio fortemente identitario. Nonostante la crisi il momento congiunturale, ma se vogliamo anche strutturale, è favorevolissimo.


Local Genius ricorda come nel corso convegno inaugurale del Vinitaly di Verona, edizione 2012 (si è svolto a marzo), è stato esaltato un dato: nell’anno della crisi, 2011, l’export di vino italiano nel mondo è salito del 12% in valore e del 9% in quantità (dati Istat). Stati Uniti, Germania e Regno Unito sono i primi importatori di vino italiano e lo apprezzano sempre di più. Un mercato florido e in grande crescita, quindi, nonostante i gravissimi problemi che il mondo intero sta vivendo. Altro dato fondamentale, che sempre quest'anno è venuto dall’Oiv (Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino), sul quale riflettere: nel mondo una bottiglia di vino su quattro bevuta è italiana. Tra il 2010 e il 2011 la quota di mercato internazionale dell’Italia è passata infatti dal 21,8% al 24,3%. Se questo è il quadro di riferimento generale si comprende come, sia l'iniziativa di Rosso Cosenza, si quella dell'Enoteca regionale della Provincia di Cosenza possano offrire un contributo importante per la crescita del sistema vitivinicolo calabrese e delle sue straordinarie specificità, proprio a partire dai vini del Cosentino.


IN ALLEGATO LA LOCANDINA DI ROSSO COSENZA

Visualizza Allegato 1



Local Genius
www.localgenius.eu
20 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook