Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius taranta wine Dotro libro briganti Rubino Rubino Monardo sponsor vini passiti jonio reggino Integra antonio-jerocades Istituto Agrario Catanzaro magazine-localgenius Video Calabria Fruit banner DOP JGP Vinitaly 2014 Vinitaly web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Abolizione dei voucher e lavoro occasionale, Donazzan: una beffa che non risparmia nessuno!

“Sto ricevendo in queste ore una serie di lamentele da parte di famiglie, commercianti e ristoratori letteralmente inviperiti per la scelta del governo di cancellare con un colpo di spugna i voucher, poiché d'ora in avanti non sapranno più come poter assumere lavoratori occasionali, pagati ad ore, che, per la loro tipologia di operatività e per l'organizzazione dell'azienda, non potranno essere inquadrati con le forme contrattuali vigenti. Una beffa che non risparmia nessuno, dagli imprenditori, ai ragazzi che per pagarsi gli studi lavorano in pizzeria nei weekend, ai lavoratori occasionali in agricoltura, alle collaboratrici domestiche che, per molte famiglie, ricoprono un ruolo di supporto fondamentale”. A sostenerlo è Elena Donazzan, assessore al lavoro della Regione del Veneto, commentando la decisione del Consiglio dei ministri di abolire integralmente i voucher, che ha innescato molte polemiche da parte delle categorie economiche. Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata dalla Regione Veneto il 18 marzo 2017, e che riportiamo integralmente.

 
“Ho sempre affermato - prosegue la referente regionale - che il lavoro accessorio andasse regolato in modo migliore e che anche allo strumento dei voucher andassero apportate delle sensibili correzioni, soprattutto per l'uso, talvolta indiscriminato, che se ne è fatto in questi anni. In Veneto abbiamo particolare contezza di quello che affermiamo perché siamo stati la prima Regione in Italia a promuovere con l'Inps un convegno basato su dati scientifici su voucher e lavoro accessorio. Con questa scelta il governo non fa altro che istigare all'irregolarità e non crea affatto buona occupazione e sfido chiunque a sostenere che alle persone fino ad oggi ingaggiate con i voucher, che garantivano in ogni caso flessibilità, copertura assicurativa e previdenziale, verrà proposto un contratto di lavoro stabile”. “Come assessore della Regione del Veneto valuterò se proporre di fare ricorso su questa decisione che lede i principi a tutela del lavoro, diritto di ogni cittadino. Non possono essere gli italiani a pagare le scelte politiche di un governo ostaggio della Cgil e di un pensiero unico distante anni luce dalle reali esigenze della nazione”, conclude Donazzan.




Local Genius
www.localgenius.eu
20 marzo 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook