Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Agricoltura, decisioni del Consiglio regionale della Calabria su snellimento e semplificazione delle procedure amministrative


La seconda Commissione consiliare regionale della Calabria, ‘Bilancio, programmazione economica, attività produttive, affari dell’Unione europea e relazioni con l’estero’, presieduta dal consigliere Candeloro Imbalzano (Scopelliti presidente), ha licenziato con parere favorevole alcuni provvedimenti di iniziativa della Giunta regionale. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata dal Consiglio regionale della Calabria il 14 gennaio 2013, e che riportiamo integralmente. “E’ stata una seduta intensa – ha sottolineato Candeloro Imbalzano – caratterizzata da una discussione approfondita ed arricchita dalla presenza e dal contributo dei dirigenti di dipartimento della Giunta regionale. La Commissione ha infatti positivamente votato la proposta di rimodulazione del Por Calabria  Fse 2007/2013 decisa dalla Giunta regionale, così come  modificato dalla Commissione europea il 10 settembre 2012. Si tratta di una efficace rivisitazione, per assi prioritari ed obiettivi specifici, al fine di tenere conto dei mutamenti di rilievo socioeconomici significativi  nelle priorità comunitarie, nazionali e regionali. Inoltre - ha detto ancora Imbalzano – la Commissione ha espresso positivamente il proprio orientamento su una proposta dell’esecutivo con cui si riprogramma il Piano di azione di coesione, cui la Regione aveva aderito, per superare le criticità rinvenienti da fattori esterni alla Programmazione che ne hanno ritardato la relativa attuazione, senza alterare né la strategia, né gli obiettivi generali, specifici e operativi del Programma stesso. Non di minore interesse, l’approvazione della deliberazione della Giunta con cui si decidono politiche attive in direzione dello snellimento e della semplificazione amministrativa nel settore agricolo. Saranno infatti i Centri per le attività in agricoltura ad essere coinvolti in una serie di responsabilità  interfacciando il territorio e gli operatori in materia di costruzioni in zona agricola; di autorizzazione integrata ambientale; di abilitazione all’esercizio dell’attività agrituristica, fattoria didattica e sociale; in materia di spandimento di effluenti zootecnici e delle acque reflue; di autorizzazione allo spandimento dei reflui oleari; di concessioni per la derivazione di acque pubbliche e quant’altro concerne le attività agricole in generale. Inoltre, è stata discussa e approvata una ulteriore proposta della Giunta – ha proseguito Imbalzano – concernente la ricerca scientifica, l’innovazione tecnologica e la società dell’informazione. Si tratta di indirizzi strategici per migliorare la competitività delle imprese regionali, ampliando i servizi per l’adozione di innovazione tecnologica e per creare iniziative imprenditoriali di spin-off da università e centri di ricerca e di microimprese innovative da parte di neolaureati e dottori di ricerca. Infine, con grande sensibilità sociale, la Commissione ha dato parere positivo alla deliberazione della Giunta in materia di accoglienza dei richiedenti asilo, dei rifugiati e per sviluppo economico e sociale delle comunità locali. La Calabria, com’è noto, è particolarmente interessata dal fenomeno dei flussi migratori di richiedenti asilo e rifugiati anche alla luce della sua posizione geografica. La ‘legge sull’accoglienza’ prevede tra gli strumenti di programmazione, l’adozione di un piano a valenza triennale con la principale finalità di individuare strategie, obiettivi e linee di intervento per sviluppare politiche attive di integrazione degli immigrati in Calabria, compresi i richiedenti asilo e i rifugiati, favorendone l’inclusione sociale ed il miglioramento delle relazioni con le comunità sul territorio”. Ai lavori della seconda Commissione hanno dato il loro contributo i consiglieri Mirabelli (Progetto democratico), Censore e Maiolo (Pd); Bruni e Dattolo,(Udc); Magno e Nucera (Pdl).




Local Genius
www.localgenius.eu
15 gennaio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook