Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Agroalimentare, il ministro Catania: puntare su qualità e sulle identità territoriali


“Il Governo si è trovato ad affrontare una crisi particolarmente difficile; una situazione che ha richiesto interventi forti e coraggiosi, anche pesanti. Questo ha provocato un aumento della pressione fiscale, dolorosa ma necessaria. Speriamo di poter voltare pagina. Per quanto riguarda il settore agricolo, a livello comunitario è stato fatto un importante passo avanti non solo a livello di Governo, ma siamo riusciti, insieme alle Regioni, alle confederazioni e a tutto il mondo agricolo, a fare sistema come Paese e qui voglio ringraziare per il contributo il presidente Verrascina e Copagri. Voglio ricordare anche l’impegno del presidente Monti in sede di negoziati sul budget comunitario proprio sul dossier dell’agricoltura, grazie al quale l’Italia ha ricevuto un miliardo di euro di bonus. Tutto questo però non basta, continueremo a chiedere una Pac adeguata per la nostra agricoltura.” Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, è intervenuto a Matera durante la II Conferenza Economica Nazionale “Quale futuro per l’agricoltura italiana” organizzata da Copagri. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata dal Mipaaf l'1 dicembre 2012, e che qui di seguito riportiamo integralmente. “Per troppi anni – prosegue il Ministro - l’agricoltura è stata messa da parte riducendo la politica agricola a semplice interfaccia con Bruxelles, serve invece una politica agricola nazionale che possa affrontare importanti problemi. La percentuale di valore che resta ad agricoltore troppo bassa, la mancata aggregazione delle nostre imprese, per questo abbiamo messo in campo l’articolo 62 grazie al quale ora ci sono  pagamenti certi e contratti scritti. Questo non basterà ma migliorerà sicuramente la situazione. Serve un’ aggregazione dell’offerta, dobbiamo tutelare l’origine dei prodotti, non possiamo puntare sulle comodity ma sulla qualità e sull’ identità territoriale e per questo c’è ancora tanto spazio per lavorare qui al Sud. Dobbiamo poi difendere il territorio dalla cementificazione. Da cittadino – conclude Catania - mi auguro che in futuro ci sia una classe dirigente in grado di assumersi le proprie responsabilità e spero che tutti insieme si riesca a fare un’Italia migliore e un’agricoltura migliore”.




Local Genius
www.localgenius.eu
3 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook