Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Agroalimentare italiano, Coldiretti: export boom in Cina per pasta, olio, vino, formaggi


Il Made in Italy fa registrare in valore un aumento record del 27 per cento sulle tavole della Cina dove si è verificato nel 2012 un vero e proprio boom dei prodotti base della dieta mediterranea. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi ai primi nove mesi del 2012. Nel gigante asiatico - sottolinea la Coldiretti in una nota stampa diramata il 13 gennaio 2013 e che riportiamo integralmente - si registra un aumento dell’84 per cento delle vendite di pasta, del 28 per cento di quelle di olio e del 21 per cento del vino. Ma - continua la Coldiretti - anche i formaggi si affermano tra i consumatori cinesi, con gli acquisti di Grana Padano e Parmigiano Reggiano che triplicano, mentre quelli di prosciutto sono addirittura quintuplicati anche se gli importi restano contenuti. Complessivamente il valore delle esportazioni del Made in Italy agroalimentare in Cina ha sfiorato i 300 milioni di euro nel 2012 con un deciso aumento che concorre a riequilibrare la bilancia commerciale nel settore. "Dalla Cina sono stati infatti importati 85 milioni di chili di pomodori conservati nel 2012 ma anche ortaggi e frutta conservata, aglio e legumi per un valore stimato pari a oltre mezzo miliardo di euro. Sui rapporti commerciali - conclude la Coldiretti - pesano gli effetti di una concorrenza sleale dovuta a situazioni di dumping sul piano sanitario, sociale ed ambientale".




Local Genius
www.localgenius.eu
14 gennaio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook