Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Apicoltura e produzione di miele, Regione Veneto ha avviato la modifica della legge quadro del settore

Un´arnia, api e prodotti dell´apicoltura, tra...

Un'arnia, api e prodotti dell'apicoltura, tra cui vasetti di miele (foto generica d'archivio realizzata nel corso di una fiera italiana)

«Incrementare l’apicoltura favorendo l’inserimento di specie vegetali d’interesse apistico nei piani di rimboschimento e di difesa del suolo, semplificare l’attività amministrativa, aumentare la capacità della Consulta regionale per l’apicoltura di conoscere e tradurre le esigenze del territorio, recepire le recenti novità normative. Sono questi gli obiettivi che si propone un disegno di legge approvato dalla Giunta regionale su proposta dell’Assessore all’Agricoltura e trasmesso al Consiglio regionale per il prosieguo dell’iter». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata il 23 agosto 2017 dalla Regione Veneto, e che riportiamo integralmente.
 
“A distanza di 23 anni era necessario rifare il tagliando alla legge 23 per l’apicoltura – fa notare l’assessore all’agricoltura – per sincronizzarla con le novità legislative sopraggiunte nel frattempo dal Parlamento nazionale e dall’Unione europea in materia di anagrafe apiaria, movimentazione di api e alveari nel territorio regionale e tra Regioni diverse e di utilizzo dei fitofarmaci. Le modifiche apportate dalla proposta della Giunta – aggiunge l’assessore - recepiscono istanze e suggerimenti che ci provengono dal mondo delle associazioni degli apicoltori e dalle organizzazioni professionali. Il primo intento della nuova proposta è semplificare la vita agli apicoltori e, nel contempo, potenziare la Consulta regionale. Infine, rafforzare compiti e funzioni del Centro regionale come organismo specializzato che monitora la salute delle api e mette a punto i piani di contrasto ai vari agenti aggressori, ultimi dei quali la vespa velutina e la grande siccità”.
 
«La produzione di miele in Veneto, come nel resto d’Italia, sta vivendo infatti una fase difficile, a causa del gran caldo e delle bizze del clima delle ultime stagioni, degli assalti degli insetti ‘aggressori’ e, più in generale, dell’inquinamento dell’ambiente – conclude l’assessore -. La difesa del settore, la  semplificazione degli adempimenti imprenditoriali e maggiori garanzie per la salute delle colonie e la qualità del miele richiedono, quindi, l’intervento urgente delle istituzioni, anche sul fronte legislativo». 




Local Genius
www.localgenius.eu
24 agosto 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook