Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Arredo, interior design e Made in Italy: cresce l’export. A Verona prosegue Abitare il Tempo


Per rilanciare il comparto dell’arredo e dell’interior design Made in Italy è necessario fare massa critica per cogliere il potenziale dei  mercati emergenti, soprattutto del Medio Oriente, e adeguarsi alla nuova figura del consumatore 2.0, sempre più informato e protagonista grazie ai social media. È questo il chiaro messaggio che giunge, oggi, dall’inaugurazione di Abitare il Tempo 100% Project (www.abitareiltempo.com), il meeting della distribuzione per le soluzioni d’interni,  fino a martedì 23 ottobre alla Fiera di Verona. E' quanto si legge in una nota stampa di Veronafiere diramata il 21 ottobre 2012. Presenti al taglio del nastro della manifestazione, il vice presidente della Provincia di Verona, Fabio Venturi, l’assessore del Comune di Verona Antonio Lella, il presidente di Federmobili, Mauro Tambelli, il presidente della Camera di Commercio di Verona, Alessandro Bianchi, il vice presidente vicario di Veronafiere, Damiano Berzacola, il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani e l’art director di Abitare il Tempo 100% Project, Giulio Cappellini. Il commercio mondiale di mobili, dopo la crisi nera del 2009, con un fatturato globale calato del 19%, sta lentamente - prosegue la nota stampa ufficiale di Veronafiere che riportiamo integralmente - risalendo la china: dai 122 miliardi di dollari del 2012, le stime per il 2013 prevedono una chiusura a 128 miliardi di dollari, con una crescita di circa il 4%. Un dato complessivo che però riflette notevoli differenze a livello di aree geografiche. Se, infatti, le economie emergenti trainano la richiesta di mobili ed elementi d’arredo (+7%), i cosiddetti paesi avanzati abbassano la media (+1%). Scendendo ulteriormente nel dettaglio, guida la classifica il continente asiatico (+7%), seguito dal Sudamerica (+5%), Medio Oriente e Nord Africa (+4%). Fanalini di coda a causa della stagnazione dei mercati interni, il Nord America (+2%) e l’Europa (+1%). Numeri che sono il frutto della ricerca commissionata da Federmobili e Innova.com,  presentati oggi ad Abitare il Tempo 100% Project, nel corso del convegno “Un’alleanza di qualità per i mercati esteri”.


In tale quadro diventa essenziale, quindi, cogliere le opportunità che si presentano - prosegue la nota di Veronafiere - sui  nuovi scenari. Il sistema produttivo italiano non fa eccezione. Oggi l’export dell’eccellenza Made in Italy, sinonimo universale di eleganza e stile, copre tutti i continenti, confermando il Paese come primo produttore europeo e terzo nel mondo. L’arredamento tricolore piace in particolare nelle nazioni del Medio Oriente e del Nord Africa, verso cui è diretto il 6% delle esportazioni totali. Un peso sempre più crescente di queste aree, confermato ad Abitare il Tempo 100% Project dalla presenza di delegazioni commerciali estere da Egitto, Libia, Qatar, Arabia Saudita, Oman ed Emirati Arabi Uniti, tra i 31 paesi rappresentati.  Le aziende italiane, seppur lentamente, si stanno adattando a questa nuova situazione: nel 2010, solamente il 3% delle imprese nazionali aveva un fatturato estero superiore al 10%; dopo due anni la quota di chi si dichiara interessato a vendere fuori dall’Italia è salito al 67%. Cambiano i tempi e cambia anche l’industria italiana dell’arredo che, se vuole uscire dalla crisi e conquistare i paesi emergenti, per il presidente di Federmobili, Mauro Tambelli, «deve superare lo svantaggio competitivo di essere formata da un tessuto  di piccole e medie imprese. Puntare sull’estero quindi, ma superando gli individualismi, con sinergie e reti fra aziende».


Una filiera del mobile che, però, deve adeguarsi anche alla mutata figura del cliente finale. La ricerca realizzata dalla società Makno per Federmobili e Innova.Com, lo definisce “consumatore convergente”: una sorta di acquirente 2.0 che si presenta al punto vendita già informato e con le idee molto chiare, grazie alla ricerca sul web che coinvolge blog, forum e gli altri social network più famosi. Complice l’attuale situazione economica, poi, il “convergente” è più razionale negli acquisti, con un processo decisionale più lungo e selettivo; comunque resta sempre attento al design e all’estetica del prodotto, al rapporto qualità/prezzo e al tema della sostenibilità ambientale. Si conta che in Italia siano presenti 17 milioni di consumatori  di questo tipo, 1 milione in più rispetto allo scorso anno, e 90 milioni in tutta Europa. La casa e l’abitare restano in testa ai livelli di investimento valoriale degli italiani, ma la crisi ha fatto spostare l’interesse dal mondo del real estate a quello dello ristrutturazione. «All’interno di questo contesto – ha commentato il vice presidente vicario di Veronafiere, Damiano Berzacola– la Fiera di Verona ha anticipato i tempi lanciando due anni Abitare il Tempo 100% Project,  format rivoluzionario che punta proprio su internazionalizzazione, innovazione e formazione per il mondo delle soluzioni d’arredo».


Fino a martedì 23 ottobre, in quattro padiglioni di Veronafiere, Abitare il Tempo 100% Project si presenta come strumento di conoscenza, relazione e ricerca con 50 workshop, 30 eventi e 250 espositori, con l’obiettivo di  far dialogare distribuzione e  produzione di mobili e arredi. «In questa edizione abbiamo raddoppiato i padiglioni e gli espositori – ha spiegato l’art director di Abitare il Tempo 100% Project, Giulio Cappellini  – mantenendo sempre l’alto standard qualitativo dell’offerta, con la presenza di aziende che hanno fatto la storia del design italiano».




Local Genius
www.localgenius.eu
22 ottobre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook