Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius taranta wine Dotro libro briganti Rubino Rubino Monardo sponsor vini passiti jonio reggino Integra antonio-jerocades Istituto Agrario Catanzaro magazine-localgenius Video Calabria Fruit banner DOP JGP Vinitaly 2014 Vinitaly web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Assolatte: l’export dei formaggi italiani conferma il trend di crescita. Più 2,4 per cento a inizio 2012


"Un timido + 2,4% in volume nel primo quadrimestre di quest'anno, che conferma il trend di crescita - si legge in una nota stampa di Assolatte diramata il 18 luglio 2012 - anche se fortemente rallentato.  Entrando nel dettaglio, crescono in particolare le esportazioni di Pecorino Romano (+6%), Mozzarella e gli altri formaggi freschi (+5%), Gorgonzola (+8%), Italico e il Taleggio (+27%). In crescita, anche se con tassi decisamente inferiori, l'export di Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+1%). Negativi invece i risultati di crescenza e robiola, che perdono il 37% delle quantità esportate rispetto all'analogo periodo del 2011, del Provolone che cala di oltre il 6% e della Fontina (-8,5%)". "Con 90.000 tonnellate per un valore di 600 milioni di euro, il primo quadrimestre 2012 - si legge nella nota stampa di assolatte che riportiamo qui di seguito integralmente - conferma il segno positivo del saldo import/export, il valore delle nostre esportazioni supera di 83 milioni di euro quello delle importazioni. I formaggi italiani continuano a dominare anche le tavole tedesche: la Germania (seconda destinazione dei nostri formaggi) si dimostra ancora una volta uno dei maggiori importatori di formaggi italiani. Un trend in costante crescita che nel mese di aprile ha segnato un vistoso aumento nell’acquisto di Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+500 tonnellate) e di Pecorino Romano (+65%). È da sottolineare anche il raddoppio della quantità di provolone esportato in Austria, nonostante le quantità contenute il dato potrebbe essere indice dell’inizio di un nuovo mercato. Bene anche l’esportazione di mozzarella in Belgio che da inizio anno ha raggiunto quota 2.550 tonnellate (+15%). Dando uno sguardo fuori dall’Europa prosegue l’andamento positivo di Grana Padano e Parmigiano Reggiano le cui esportazioni ad aprile segnano +15%". Un grafico allegato alla nota stampa di Assolatte descrive la seguente situazione dell'export di formaggi italiani nel primo quadrimestre 2012: Francia (18.229 tonnellate); Germania (12.941 tonnellate); Regno Unito (8.569 tonnellate); Usa (8.392 tonnellate); Svizzera (5.634 tonnellate); Spagna (4.695 tonnellate); Belgio (4.594 tonnellate); Austria (2.836 tonnellate); altri Paesi (24.078 tonnellate).




Local Genius
www.localgenius.eu
25 luglio 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook