Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Ateneo di Reggio Calabria: master su sostenibilità in agricoltura e cibo sicuro

Sostenibilità delle produzioni agricole, qualità e salubrità dei prodotti agricoli ed agroalimentari sono temi ricorrenti nelle linee guida della ricerca europea recente e futura. Sono aperte le iscrizioni

Paesaggio agrario jonico

Paesaggio agrario jonico

Aperte le iscrizioni, alla Facoltà di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria per il master di II livello "Sustainable agriculture and food in Mediterranean area". Il master di II livello safe@med si colloca all’intero – precisa una nota stampa ufficiale diramata dalla Facoltà di Agraria il 9 novembre 2012, e che qui di seguito riportiamo integralmente - di un più complesso progetto della facoltà di Agraria finalizzato alla creazione di una research infrastructure for sustainable agriculture and food in mediterranean area, una infrastruttura di ricerca sul modello europeo. L’obiettivo strategico della ir-safe@med è quello di contribuire allo sviluppo sostenibile dell’agricoltura e più in generale delle filiere agroalimentari, dell’area mediterranea. Sostenibilità delle produzioni agricole, qualità e salubrità dei prodotti agricoli ed agroalimentari sono temi ricorrenti nelle linee guida della ricerca europea recente e  futura, come declinate in Horizon 2010, che pone quale scenario di riferimento la creazione della bioeconomy europea. L'impegno progettuale e di investimento per la creazione di Safemed è coerente con la strategia di Europa 2020 che individua tre motori di crescita, da mettere in atto mediante azioni concrete a livello europeo e nazionale: crescita intelligente (promuovendo la conoscenza, l’innovazione, l’istruzione e la società digitale), crescita sostenibile (rendendo la nostra produzione più efficiente sotto il profilo dell’uso delle risorse, rilanciando nel contempo la nostra competitività) e crescita inclusiva (incentivando la partecipazione al mercato del lavoro, l’acquisizione di competenze e la lotta alla povertà).


Safemed – prosegue la nota stampa ufficiale - intende focalizzare la strategia nel contesto fenomenologico che governerà e condizionerà il futuro dello sviluppo dell’intero pianeta e in particolare il bacino del mediterraneo: il cambiamento climatico e con  esso l’incombente desertificazione dei territori, la connessa problematica della sicurezza degli approvvigionamenti del cibo e della loro salubrità e funzionalità nutritiva. La creazione, e soprattutto, l’operatività della infrastruttura di ricerca safe@med passa, inevitabilmente, dalla disponibilità di risorse umane di alto profilo tecnico e scientifico, in grado di garantire, nel medio-lungo termine, l’operatività della infrastruttura nel contesto locale, mediterraneo ed  europeo.  Il master di II livello in "sustainable agriculture and food in mediterranean area” –  saf@med, della durata di due anni,  punta, pertanto, alla creazione di due figure professionali l’uno con profilo tecnico-manageriale e l’altro con profilo scientifico di differente specializzazione. Nel dettaglio il master punta alla creazione di:
 
1) Manager della ricercain agricoltura e produzioni alimentari sostenibili nell’area mediterranea, figure professionali che dovranno essere in grado di gestire progetti complessi;dirigere strutture di ricerca, con attenzione alle principali questioni tecnologiche, legali ed economiche connesse ai processi innovativi e alle attività di valorizzazione dell’innovazione tecnologica; affiancare i ricercatori della infrastruttura di ricerca nell’organizzazione delle attività di ricerca, nell’individuazione delle possibili ricadute industriali del proprio lavoro e nella loro successiva applicazione commerciale. A tale profilo sono destinati 5 posti di cui 3 riservati al personale dipendente dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

2) Ricercatori altamente qualificati in agricoltura e produzioni alimentari sostenibili nell’area mediterranea, che dovranno acquisire specifiche competenze in sistemi agricoli sostenibili e valorizzazione del territorio, processi alimentari; in food safety e tecniche analitiche applicate alla valorizzazione dei prodotti agricoli ed agroalimentari. A tale profilo sono destinati 9 posti.

 
Per ulteriori info – precisa infine la nota stampa ufficiale - e per visionare il bando con domanda di ammissione:
http://www.unirc.it/agraria/articoli/10700/master-sustainable-agriculture-and-food-in-mediterranean-area




Local Genius
www.localgenius.eu
13 novembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook