Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Hotel Marconi libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Bevacqua, Cisl Fp Calabria: il decreto legge sul riordino delle Province va cambiato


“Il decreto legge sul riordino delle Province va cambiato” è questa la posizione della Cisl Fp Calabria che scrive ai parlamentari di Camera e Senato per sollecitare “modifiche sostanziali rispetto alla tutela dei servizi, delle professionalità, dei bisogni delle nuove comunità” e chiama in causa “un nuovo disegno organizzativo e istituzionale che investa anche Regioni e Comuni. E che punti sulla valorizzazione delle competenze”. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale della Cisl Fp Calabria diramata il 9 novembre 2012, e che qui di seguito riportiamo nella sua stesura integrale. Il sindacato da tempo rivendica l’apertura di un tavolo sulla semplificazione dei livelli amministrativi e la riorganizzazione degli enti locali, perché, sottolinea nella nota stampa ufficiale il segretario regionale  Antonio Bevacqua, “l’esame congiunto su organici e mobilità non può che essere il pezzo finale di un progetto complessivo di razionalizzazione e rilancio del welfare locale”. “Chiediamo ai parlamentari della Regione Calabria di attivarsi, insieme, a proporre di  modificare una legge che non produrrà risparmi ma creerà caos istituzionale e disservizi per le comunità”, denuncia il segretario Cisl Fp, che spiega: “Il numero delle Province è stato ridotto ma occorre più chiarezza sui livelli amministrativi e sulle funzioni che non possono essere frammentate e parcellizzate tra i Comuni, come ad esempio le politiche attive e passive del lavoro, o attribuite ad altre amministrazioni, come la Protezione Civile alle Prefetture per le Città metropolitane, ma devono essere gestite per area vasta. Il risparmio si fa attraverso l’integrazione, le economie di scala, i servizi a rete. Che presuppongono un investimento in formazione e qualificazione del personale”. Tre i punti critici additati dal sindacato rispetto al decreto: “In primo luogo la previsione per le Province di funzioni “residuali”, insufficienti a garantire il coordinamento sul territorio. Secondo, il fatto che le Regioni non possano delegare funzioni alle Provincie, con il rischio di riaccentrare i costi senza migliorare i servizi alle comunità. E poi la questione degli organici: si continua a parlare di numeri senza un disegno chiaro di come riorganizzare il sistema. E senza una ricognizione delle professionalità che ci sono e di quelle che servono. E’ un approccio miope e controproducente. Noi diciamo no a qualunque ipotesi di esubero”.
“Le rete dei servizi pubblici locali deve essere il motore della razionalizzazione amministrativa del nostro Paese e della nostra Regione a vantaggio di cittadini ed imprese” rimarca Bevacqua. “Le professionalità interne alle Provincie - aggiunge il segretario generale della Cisl Fp Calabria - devono essere salvaguardate, anche in termini occupazionali, anche per quanto riguarda il personale precario, e valorizzate con nuovi percorsi formativi e di sviluppo professionale. Senza aumentare la spesa a carico dei cittadini, ma utilizzando parte dei risparmi (ex art 16 DL 78/2010) che si potranno produrre con un vero riordino ed una reale semplificazione”. “Per questo a livello nazionale - conclude Bevacqua - si chiede una convocazione urgente dal parte del ministro Patroni Griffi. E un impegno da parte del Parlamento affinché il decreto venga corretto in sede di conversione”.


Sull'argomento leggere anche:

Oliverio all'Upi a Roma: impostazione demagogica, nessun risparmio
http://www.localgenius.eu/riordino-delle-province-mario-oliverio-a-roma-impostazione-demagogica-nessun-risparmio-745.htm


Le Province calabresi insorgono: una riforma sbagliata e ingiusta
http://www.localgenius.eu/le-province-calabresi-insorgono-una-riforma-sbagliata-ingiusta-e-anche-dannosa-per-i-territori-704.htm




Local Genius
www.localgenius.eu
11 novembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook