Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Bollicine a Capodanno: riciclate i tappi di sughero! Saranno ben 3 tonnellate

Gli Italiani stapperanno circa 90 milioni di bottiglie, tra spumanti nazionali dolci e secchi, e champagne francese. Suggerimento Cia per tutelare la natura

Bottiglie di champagne e di spumante raffreddate con il...

Bottiglie di champagne e di spumante raffreddate con il ghiaccio (foto di repertorio)

Con lo scoccare della mezzanotte dell’ultimo dell’anno arriveranno a 90 milioni le bottiglie di spumante stappate durante le festività di fine 2012. A Capodanno infatti c’è sempre il picco dei consumi di bollicine, con una netta preferenza per quelle “tricolori”, che anche quest’anno vinceranno sullo champagne nel 95 per cento dei casi. Ma, fatti gli auguri e i beneauguranti “cincin”, non dimentichiamoci dei tappi di sughero. Promuoverne la raccolta differenziata in un’ottica di riciclo e riutilizzo ha una valenza non soltanto ambientale, ma anche economica. Lo afferma la Cia, Confederazione italiana agricoltori, in una nota stampa ufficiale diramata il 28 dicembre 2012 e che proponiamo nella sua versione integrale. Rispetto al 2011, i consumi di bollicine durante le feste subiranno un lieve calo nelle quantità, ma non solo. Complice la crisi e la stangata fiscale di fine anno - spiega la Cia - le famiglie accorceranno il budget orientandosi verso etichette più economiche, con una fascia di prezzo compresa in media tra i 5 e i 10 euro. Per una spesa complessiva che da Natale all’Epifania arriverà intorno ai 697 milioni di euro. Più in dettaglio, ben il 68 per cento delle bottiglie verrà stappato in casa con amici e parenti, contro il 32 per cento in locali e veglioni di San Silvestro. E a prevalere nei gusti degli italiani - continua la Cia - sarà ancora una volta lo spumante dolce (59 per cento delle preferenze), seguito da quello secco e “brut” (con il 36 per cento). Lo champagne invece raccoglierà solo il 5 per cento delle preferenze: vuol dire che solamente un italiano su venti sceglierà il “made in France” invece delle bottiglie nazionali.


Quanto ai tappi, piuttosto che disperderli nell’ambiente, la Cia invita i consumatori a raccoglierli e conservarli per il riciclo. In una prospettiva anti-spreco ed ecosostenibile. Oggi nella maggior parte dei comuni che fanno raccolta differenziata il tappo di sughero è considerato come elemento organico biodegradabile e quindi da gettare nell’umido per il compostaggio. In particolare - ricorda la Confederazione - il Compost di Qualità può essere usato in agricoltura e nelle attività florovivaistiche, mentre la frazione organica stabilizzata viene utilizzata nelle attività paesaggistiche, nel ripristino ambientale (recupero di ex cave) o come copertura giornaliera delle discariche. Per questo, con un minimo di accortezza, circa 3 tonnellate di sughero, invece di diventare “spazzatura” indifferenziata, possono essere reinserite nei cicli produttivi senza gravare sul patrimonio ambientale. Senza contare che oggi in varie parti del Paese sono attivi anche specifici raccoglitori per il sughero e associazioni che si occupano del recupero e della gestione di questa risorsa. Con “ricicli” non soltanto creativi nell’artigianato, nell’abbigliamento e nel calzaturiero (solo con i tappi di Capodanno si potrebbero “rifinire” quasi 600 mila paia di scarpe), ma con riusi economicamente rilevanti - aggiunge la Cia - nel campo della bioedilizia e dell’architettura “green”, che lava, tritura e riutilizza il sughero come isolante termoacustico e naturale.


Local Genius si congratula con la Cia per questo contributo, utile e intelligente. I lettori riflettano su quanto sarebbe importante organizzare e difendere stili di vita predisposti al consumo intelligente e al completo riciclo dei materiali. Si otterrebbero tanti positivi risultati: salvaguardia della natura e dell'ambiente, nuovi posti di lavoro, gestione razionale delle risorse. I lettori non si abbandonino a una visione consumistica dell'esistenza, che sta producendo danni incalcolabili, ma si predispongano a comprendere che è proprio giunto il momento di cambiare direzione, pena ulteriori drammi sociali e progressiva inarrestabile distruzione dell'ecosistema che ci ospita.




Local Genius
www.localgenius.eu
30 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook