Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Catania a Macfrut Cesena: aggregazione e qualità per ortofrutta italiana

“Se mi si chiede se l’aggregazione dell’offerta è una risposta per l’ortofrutta italiana e per ottenere un maggiore reddito per gli agricoltori io non posso che rispondere di sì. Nello stesso tempo è evidente che non può essere l’unica risposta e che anche le forme di aggregazione a cui siamo abituati e che conosciamo devono essere migliorate. L’art 62 ha un ruolo importante nel restituire redditività agli agricoltori italiani. È stata una battaglia difficile che ci ha visti discutere, anche animatamente, con il mondo della grande distribuzione ma un effetto lo ha sicuramente già avuto in quanto la GDO ha cambiato atteggiamento nei confronti del settore primario”. Lo ha detto il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, intervenendo - riferisce una nota stampa ufficiale diramata il 27 settembre 2012 - al convegno ‘Filiera ortofrutticola italiana: aggregazione, interprofessione, internazionalizzazione’ che si è svolto a Cesena al MacFrut. “La metà della quantità dell’ortofrutta italiana – ha proseguito il Ministro Catania, così come riferisce la nota stampa che riportiamo qui di seguito integralmente – viene prodotta nel Mezzogiorno e lì, come è noto, ci sono delle condizioni di mercato in un rapporto con il mondo della cooperazione e gli strumenti della aggregazione imparagonabili a quelli che troviamo qui nell’organizzatissima Emilia Romagna. Per poter riuscire a far fare un salto di qualità a tutto il settore, è evidente che ci dobbiamo occupare di riorganizzare quella parte del mondo produttivo del Paese”. “Il mondo della cooperazione - ha concluso Catania - è sicuramente un punto di riferimento importante, tutelato peraltro dalla Costituzione italiana, per il Paese e per il mondo del lavoro. Detto questo, è però evidente che, per fare in modo che gli sia riconosciuto il suo ruolo, deve mantenere le sue caratteristiche peculiari per non correre il rischio di proseguire nel percorso di omologazione con le imprese private. Sono sempre stato convinto che la cooperazione sia una ricchezza per la nostra società e per questo vi incoraggio a mantenere quelle differenze che vi contraddistinguono”.




Local Genius
www.localgenius.eu
28 settembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook