Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius taranta wine Dotro libro briganti Rubino Rubino Monardo sponsor vini passiti jonio reggino Integra antonio-jerocades Istituto Agrario Catanzaro magazine-localgenius Video Calabria Fruit banner DOP JGP Vinitaly 2014 Vinitaly web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Cia: bene i sequestri di Nas e Nac di falsi prodotti agroalimentari italiani Dop e Igp. Tolleranza zero!


"Sempre più sotto assedio l’agroalimentare italiano, al primo posto in Europa per le segnalazioni di cibi “irregolari” e “tarocchi”. E a finire nel mirino delle frodi alimentari sono molto spesso i prodotti più pregiati, contrassegnati dai marchi Dop e Igp: proprio quelli che dovrebbero offrire un’assoluta garanzia di sicurezza alimentare, che è il criterio al primo posto nelle scelte di consumo per otto italiani su dieci". Lo afferma la Cia, Confederazione italiana agricoltori, "commentando le maxi-operazioni di Nas e Nac, che hanno sequestrato in tutt’Italia oltre una tonnellata e mezzo di alimenti pericolosi per la salute pubblica nonché 6 quintali di “finti” limoni di Sorrento Igp, 1.300 chili di pizze con falsi marchi a denominazione “cipolla di Tropea” e “San Marzano”, ma anche vini Doc prodotti in Gran Bretagna in “wine-kit” e aceto balsamico di Modena Igp fatto in Germania". Lo si apprende da una nota stampa ufficiale della Cia diramata il 4 ottobre 2012.


"È necessario usare “tolleranza zero” nei confronti degli autori delle truffe e degli “inganni a tavola” - sottolinea la Cia nella nota ufficiale che riproduciamo qui di seguito integralmente - che minano la credibilità di tutto il nostro sistema agroalimentare. Un sistema basato sulla qualità che non ha rivali in Ue per numero di prodotti certificati con 246 denominazioni d’origine, di cui 154 Dop, 90 Igp e 2 Stg. In Italia - ricorda inoltre la Cia - i sequestri di prodotti alimentari “irregolari” oggi superano il valore di un miliardo di euro l’anno. E le cifre sono in crescita: solo nel 2011 sono state portate a termine dalle forze dell’ordine 13.867 operazioni, un numero più che triplicato rispetto al 2010. Questo ci conferma l’efficacia della macchina dei controlli, fondamentali per garantire ai consumatori la sicurezza nel piatto e per tutelare l’immagine del “made in italy” agroalimentare".


"A pagare questo business illegale - conclude la Cia - sono consumatori e produttori. I primi perché, nonostante l’efficacia dei controlli, rischiano di ritrovarsi in tavola cibi che di certificato hanno solo l’etichetta. Ma anche i produttori che lavorano quotidianamente per la qualità e per l’eccellenza del “made in Italy”, e che scontano in prima persona le conseguenze di truffe e contraffazioni, che sottraggono 3 milioni di euro al giorno alle aziende italiane".




Local Genius
www.localgenius.eu
4 ottobre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook