Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Cia invita a riflettere: un litro di benzina costa quanto un chilo di arance!

“Ormai doppiato il prezzo di un litro di latte Uht”

Arance, foto d´archivio

Arance, foto d'archivio

Tornano a salire i prezzi dei carburanti e, con la “punta” di 1,9 euro toccata la mattina del 18 febbraio 2013, un litro di benzina alla pompa arriva a superare il costo medio di un chilo di arance (1,80 euro) e a “doppiare” il prezzo di un litro di latte a lunga conservazione (80 centesimi) acquistato in un qualsiasi supermercato del Paese. Lo afferma la Cia, Confederazione italiana agricoltori, spiegando come questi raffronti rendono chiaro lo scombussolamento provocato da rialzi del genere sulla spesa degli italiani. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata da Cia nazionale il 18 febbraio 2013 e che riportiamo integralmente. Già nell’ultimo anno ogni famiglia ha dovuto mettere in conto 483 euro al mese per trasporti, carburanti ed energia: un budget che ha superato quello per alimentari e bevande, fermo a 477 euro mensili. Ora con i nuovi aumenti della benzina c’è il rischio di un ulteriore calo della spesa per la tavola, tanto più che il costo del trasporto - ricorda la Cia - incide sul prezzo finale dei prodotti agroalimentari per il 35-40 per cento. Ma non solo i consumatori, anche nelle campagne si continua a combattere con i rincari del gasolio agricolo -continua la Cia -. Solo a dicembre per i carburanti gli agricoltori hanno speso il 4 per cento in più dello stesso periodo dell’anno prima e, più in generale, nella media del 2012 hanno speso il 7,9 per cento in più per tutti i prodotti energetici. E’ evidente che qualcosa deve cambiare: si tratta di aumenti che sono insostenibili sia per le famiglie che per gli imprenditori agricoli. Ecco perché -conclude la Cia - la prossima legislatura deve subito intervenire sul tema, cercando soluzioni strutturali ai ciclici rialzi dei carburanti.


Local Genius apprezza questa riflessione Cia e invita i consumatori a pensarci su. Che tipo di società stiamo costruendo? Quali assetti economici e sociali si stanno delineando? Ma possiamo veramente ritenere che chi sta manovrando, dall'alto, i fili del sistema, stia lavorando per costruire modelli di convivenza umana più giusti, più veri, più autentici?




Local Genius
www.localgenius.eu
19 febbraio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook