Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Confagricoltura: agricoltori devono vendere 2,5 kg di zucchine per potersi pagare un caffè al bar


“In base alle stime definitive di Istat sull’inflazione di settembre, i prezzi della verdura sono aumentati del 7,1% rispetto ad agosto e del 10,2% su base annua; il prezzo della frutta invece diminuisce dello 0,6% (ma cresce del 6,1% in termini tendenziali). Ciò, a fronte dell’indice generale che, a settembre è rimasto stabile rispetto al mese precedente e che, a livello annuale, aumenta del 3%”. Lo sottolinea Confagricoltura nazionale, in una nota stampa ufficiale diramata venerdì 12 ottobre 2012, analizzando i dati definitivi dell’Istat sull’inflazione a settembre. “Abbiamo più volte posto in rilievo - osserva l’Organizzazione degli imprenditori agricoli nella citata nota stampa ufficiale che riportiamo integralmente - la sperequazione tra i prezzi all’origine e quelli al consumo, che quadruplicano. Ad esempio l'11 ottobre, in base alle rilevazioni di SMS Consumatori-Ismea le zucchine sono state vendute dal produttore a 53 centesimi al chilo e arrivano sui banchi di vendita mediamente a 2,25 euro”. “L’inflazione pesa anche per i produttori agricoli che – conclude Confagricoltura – devono vendere, ad esempio 2,5 kg di zucchine  per potersi pagare un caffè al bar; è difficile far quadrare i conti aziendali quando ci si trova con quotazioni non remunerative, aumenti dei costi (+3,1% secondo le rilevazioni Ismea), a partire da quello del gasolio (+21,7% secondo dati Istat sull’inflazione a settembre) ed un pesante carico fiscale e burocratico. Serve l’impegno condiviso di tutta la filiera per salvaguardare e rilanciare l’agroalimentare”.




Local Genius
www.localgenius.eu
15 ottobre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook