Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Confesercenti: prevista ecatombe di imprese nel 2013, 450mila chiusure

Il presidente nazionale Marco Venturi: pesante situazione su fisco, consumi, lavoro, cessazione di aziende, potere d’acquisto e risparmio delle famiglie

Fruttivendolo al lavoro in un mercatino rionale di una...

Fruttivendolo al lavoro in un mercatino rionale di una grande città italiana (foto d'archivio)

Si è svolto la mattina di lunedì 11 febbraio l’incontro stampa nel corso del quale Marco Venturi, presidente di Confesercenti, ha illustrato gli obiettivi dello studio che documenta la pesante situazione su fisco, consumi, lavoro, chiusure delle imprese, potere d’acquisto e risparmio delle famiglie. Venturi ha sottolineato la “crescente preoccupazione per le difficoltà economiche del Paese. Abbiamo già mandato una lettera ai leaders delle forze politiche, in cui chiediamo una svolta urgente. Ormai non ci bastano più generiche promesse: servono fatti, servono risorse, che vanno trovate con coraggiose scelte di tagli della spesa pubblica, in quella parte che riguarda sprechi ed eccessi di rappresentanza. Come da noi documentato nei giorni scorsi, i tagli possono arrivare a liberare o attivare 70 miliardi di euro, da utilizzare per il rilancio del Paese". E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata da Confesercenti nazionale l'11 febbraio 2013, e che riportiamo integralmente. Mauro Bussoni, vice direttore di Confesercenti, ha segnalato alcuni aspetti dello studio che sono al centro dell’iniziativa di molte strutture Confesercenti nel territorio: “In queste ore – ha spiegato Bussoni - i nostri dirigenti chiederanno ai candidati alle elezioni di sottoscrivere un impegno preciso, qualcuno direbbe un “contratto”, sui punti che Confesercenti ritiene fondamentali per tornare alla crescita. Ma la nostra preoccupazione aumenta – prosegue Bussoni - anche perché ci segnalano da diverse realtà del territorio difficoltà crescenti delle imprese, tanto che gennaio potrebbe rivelarsi un mese drammatico per le chiusure. Del resto l’occupazione indipendente – ha aggiunto Bussoni - mostra segnali inequivocabili di calo che potrebbero accentuarsi senza interventi tempestivi. La stessa liberalizzazione che riguarda le domeniche aperte, ha spostato quote di mercato dai “piccoli” ai grandi, senza effetti sui consumi ma aggravando i problemi di tanti esercenti che operano nei centri urbani provocando, con le chiusure e la conseguente “desertificazione” commerciale, disservizi soprattutto nei confronti della popolazione più debole”.

 
Di seguito la nota stampa ufficiale propone una sintesi dei dati presentati:

 
Consumi: nel 2012-2013 diminuiscono di 45 miliardi (-35 nel 2012, -10 nel 2013)
Nel solo nel 2012, secondo stime Confesercenti, la spesa delle famiglie ha subito un tracollo di 35 miliardi (-4%). Secondo le nostre stime, la contrazione dei consumi continuerà anche l’anno prossimo, sebbene a ritmo meno sostenuto, segnando una diminuzione di circa 10 miliardi (-1,2%). In due anni assisteremo quindi ad una contrazione della spesa per consumi interni di 45 miliardi di euro (-5,2%), per un totale di 2000 euro in meno spesi da ogni famiglia. L’impatto stimabile sul Pil, in termini di sottrazione di crescita, è pari a 0,7 punti percentuali. In particolare, il biennio vedrà un calo della spesa del 6% nelle bevande alcoliche e tabacchi, dell’8,9% in abbigliamento e calzature, del 4,3$ nei pubblici esercizi, del 3,4% nelle strutture ricettive, e del 4,2% nei beni alimentari e bevande. In quest’ultimo settore la perdita sarà più sostenuta per le carni (-5,3%) che nella frutta e verdura (-2,0%).

 
Fisco: 34 miliardi di prelievo nel 2013 tra Imu, Tares, Iva e adeguamenti Irpeg
Negli anni 2011 e 2012 le manovre fiscali hanno determinato per famiglie e imprese maggiori imposte per 40 miliardi. Nel 2013 si verificherà un nuovo aumento: la nuova Tares, l’adeguamento delle addizionali Irpef, l’incremento delle tariffe dei servizi pubblici locali e l’aumento dell’aliquota ordinaria IVA dal 21 al 22%, porteranno famiglie ed imprese a pagare altri 10 miliardi aggiuntivi di imposte. Un conto che sale a 34 miliardi se l’IMU dovesse restare così com’è. Circa 20 miliardi saranno a carico delle famiglie, con un aggravio di circa 800 euro a nucleo. Per le imprese il conto è di 14 miliardi, o 3000 euro ad azienda. In tre anni - dal 2011 al 2013 – il totale è di quasi 75 miliardi in più, 1.250 euro pro capite per ogni italiano.

 
Chiusure di imprese del commercio e del turismo: nel 2012 sono state 253 al giorno, nel 2013 saranno 281
Nel 2012 hanno cessato la loro attività 64.126 imprese del Commercio al dettaglio (di cui 52.432 pari all’82% sono imprese individuali) e 27.691 imprese attive nell’Alloggio e Ristorazione. Nei due comparti, quindi, hanno chiuso circa 253 imprese al giorno: 178 nel commercio al dettaglio (di cui 30 nell’abbigliamento), 70 nella ristorazione, 5 nelle strutture ricettive. Nel 2013 stimiamo che chiuderanno 450.000 imprese in totale, di cui 72.000 nel commercio al dettaglio. Il ritmo delle chiusure nei nostri settori, dunque, aumenterà, portandosi a 281 al giorno: 197 per il commercio al dettaglio (di cui 36 nell’abbigliamento), 78 nella ristorazione, 6 nella ricezione.

 
Redditi d’impresa: calo anche nel 2013, settimo anno consecutivo
Tra il 2007 e il 2010 i redditi medi dichiarati nel Commercio si riducono dell’11%: -15,9% nel commercio al dettaglio no-food; -18,9% nell’abbigliamento, -7.9% nel dettaglio alimentare, -7,1% per i pubblici esercizi e -22,8% per quanto riguarda le strutture ricettive. Alla fine del 2013, i redditi dei settori presi in esame continueranno a calare. Alla fine, sul 2010, la variazione sarà di -12,0% per il commercio al dettaglio non alimentare, -13,4% nell’abbigliamento e nelle calzature, -5.8% per il commercio al dettaglio alimentare, -5.3% per i pubblici esercizi e -13.5% per le strutture ricettive.

 
Le emergenze: credito, risparmio e potere d’acquisto delle famiglie:

 
Credito: nel 2012 calo di 4 miliardi. Le sofferenze aumentano del 72,6%
Tra il 2012 e il 2010 il credito alle imprese del Commercio, Turismo e Noleggio, Agenzie di Viaggi e Altri Servizi si è ridotto di circa 4 miliardi di euro (-1.9% in termini percentuali). Le sofferenze per gli stessi comparti sono quasi raddoppiate, registrando una crescita del 72,6%, pari a 9 miliardi di euro.

 
Famiglie consumatrici: nel 2013 cala il potere d’acquisto (-1,9%), stabile (+0,2) la propensione al risparmio dopo il crollo dal 2007.
Per le famiglie consumatrici anche nel 2013 continuerà il calo del potere d’acquisto, già crollato del 9,2% tra il 2007 e il 2012. Nell’anno appena iniziato stimiamo un ulteriore contrazione dell’1,9%. La propensione al risparmio, calcolata come quota del reddito disponibile, è passata dal 12,5% del 2007 all’8,6% del 2012. Nel 2013 sarà dell’8,8%.

 
Quote di mercato: piccoli esercizi in calo nel 2012 e nel 2013 per eccesso di liberalizzazioni. Si rischia scomparsa negozi di vicinato e desertificazione delle città
La liberalizzazione degli orari e delle aperture domenicali ha portato i piccoli esercizi a perdere quota di mercato: dal 2011 al 2012 passa dal 18,1% (21,4 miliardi) al 17,3% (20,2 miliardi) nell’alimentare, dal 42,1% (44,2 miliardi) al 41,6% (42,9 miliardi) al non alimentare. Nel 2013 il fenomeno continuerà: la quota di mercato dei Piccoli esercizi scenderà dello 0,6% nell’alimentare, attestandosi al 16,7%, e dello 0,5% nel no-food, al 41,1%. Nel settore alimentare (carni, frutta e verdura, pesce, pane e dolciumi) nei soli capoluoghi di Regione la sparizione di negozi è ormai diventata un’inarrestabile emorragia, tanto che, a fronte di una popolazione complessiva di 9 milioni 661 mila 440 abitanti, sono rimasti solo 17.768 esercizi commerciali del settore alimentare. Vale a dire meno di 2 negozi ogni mille abitanti (1,8). Si va da un minimo di 1,2 a Milano ad un massimo di 3,4 di Napoli.

 
Occupazione: nel 2013 continua la diminuzione di posti di lavoro nel Commercio e nel Turismo
Il 2013 vedrà continuare anche l’emorragia dei posti di lavoro nei settori del Commercio e del turismo. Alla fine dell’anno, la diminuzione segnata sul 2010 sarà dello 0,8% per gli occupati nel commercio al dettaglio, del 2,6% per gli occupati indipendenti nello stesso settore, dello 0,2% per pubblici esercizi e strutture ricettive e infine dello 0,4% per gli occupati indipendenti di queste ultime.


Local Genius, giornale delle identità territoriali, legge con particolare attenzione e preoccupazione i dati presentati da Confesercenti nazionale e si associa all'appello per una svolta radicale sul fronte degli assetti economici e sociali del Paese, perché si tengano finalmente in primo piano le esigenze della porzione attiva della società italiana, della gente che lavora con estremo sacrificio, dedizione e coraggio, delle imprese e dei lavoratori in proprio che rischiano tutto, delle tante piccole e medie realtà produttive che poi rappresentano la spina dorsale della nazione e molto spesso anche la più sana e pulita.




Local Genius
www.localgenius.eu
13 febbraio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook