Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Confesercenti: un biennio terribile per i consumi in Italia. Crollo di 45 miliardi

“Una situazione insostenibile, che causerà la perdita di 281 imprese al giorno nei soli settori del commercio e del turismo, con drammatici risvolti occupazionali”

Il centro storico di Verona, foto d´archivio

Il centro storico di Verona, foto d'archivio

“Un calo che ci aspettavamo, ma non per questo meno allarmante, che sottolinea la necessità di una politica per la crescita che faccia riprendere anche il mercato interno: il crollo dei consumi degli italiani (-35 miliardi), dovuto alla crisi e alle misure di austerity fiscale, ha inciso su un’economia già debole, ed ha contribuito alla caduta del Pil nell’ordine di 0.6-0.7 punti percentuali”. Così Confesercenti, in una nota, commenta i dati diffusi il 14 febbraio dall’Istat”. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata da Confesercenti nazionale il 14 febbraio 2013, e che riportiamo integralmente. “Il dato sull’andamento del prodotto interno lordo nel 2012, pari a -2,2%, anche se si colloca leggermente al di sotto delle nuove previsioni del Governo di Ottobre scorso (-2,4%) era infatti purtroppo largamente previsto. È il terzo anno – continua Confesercenti - che registra una variazione negativa del prodotto lordo nel corso degli ultimi cinque, ed indica che la lunga crisi è ancora in corso. Qualche spiraglio, forse, si potrà intravvedere nella seconda parte di quest’anno, che comunque registrerà anch’esso, nel complesso, una nuova caduta”.
 

“A nostro avviso, considerando che il dato negativo dura da 6 trimestri consecutivi e che la “crescita” già acquisita per l’Istat per il 2013 è pari a -1, anche quest’anno - spiega Confesercenti - registreremo un dato negativo”. “Per agganciare la ripresa – conclude la nota - abbiamo bisogno di interventi precisi e di lungo respiro, che attraverso tagli coraggiosi alla spesa pubblica e la riduzione della pressione fiscale restituiscano ossigeno alle famiglie e alle imprese. Invece, nel corso del 2013 gli italiani dovranno sborsare, ad Imu invariata, 34 miliardi di tasse e imposte aggiuntive, che peseranno per 20 miliardi sulle imprese e 14 sulle famiglie. Il che secondo le nostre stime porterà in totale, nel biennio orribile 2012-2013, a una contrazione della spesa delle famiglie di 45 miliardi di euro, circa 2000 per ogni nucleo familiare. Una situazione insostenibile, che causerà la perdita di 281 imprese al giorno nei soli settori del commercio e del turismo, con drammatici risvolti occupazionali e un ulteriore avvitamento del Paese”.




Local Genius
www.localgenius.eu
15 febbraio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook