Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Esordio molto positivo per il teatro dialettale di Piero Procopio a Catanzaro


Un debutto targato “sold out” quello de "L'eredità do zzù previta" portato in scena da Piero Procopio venerdì 14 dicembre al Teatro Hercules di Catanzaro. E' quanto si legge in una nota stampa che riportiamo integralmente, e che è stata diramata il 15 dicembre 2012. Lo spettacolo rappresenta - spiega la nota stampa - una riuscita rivisitazione in vernacolo catanzarese del classico della commedia popolare siciliana, “L'eredità dello zio canonico", scritto da Antonio Russo Giusti. Per la “prima” del nuovo spettacolo c’era il pubblico delle grandi occasioni che ha gremito il teatro di viale degli Angioni per l’attesa cinque giorni natalizia programmata nell'ambito del cartellone di "Dialettando" che vede coinvolte alcune delle più importanti compagnie di teatro popolare calabresi e meridionali. Lo spettacolo sarà riproposto fino al 18 dicembre prossimo ogni sera, alle ore 21.00, e domenica 16 dicembre alle ore 18.30. "L'eredità do zzù previta" può essere definita come la tipica commedia degli equivoci in cui il meccanismo delle gag e dei colpi di scena assume a tratti i toni della farsa. Protagonista della storia è Antonio Favazza che, dopo aver dedicato la vita allo zio canonico, si ritrova senza una lira, perché l’eredità milionaria è contesa da due famiglie che, dopo una serie di peripezie, riusciranno a trovare un accordo per accaparrarsi gli averi del defunto. «In questo lavoro la caratterizzazione dei personaggi strutturata in maniera perfetta nel testo originale di Russo Giusti – racconta Piero Procopio che ne ha curato anche la regia e la rielaborazione – rappresenta la chiave giusta per mettere in risalto la figura di un protagonista che ben incarna l’emblema della mediocrità e dell’attaccamento al denaro. La scelta di riproporre un classico della tradizione teatrale siciliana è stato motivo di stimolo per tutta la compagnia che ha avuto l’opportunità di arricchire il proprio bagaglio formativo e rafforzare la già naturale intesa sul palco». Protagonisti della commedia sono: Piero Procopio, Biagio Bianco, Valentina Rames, Gori Mirarchi, Alessandro Mangiacasale, Teresa Barbagallo, Maurizio Corrado, Stella Surace, Dario Costa e Franco Procopio. Costumi a cura di Elisa Procopio, scenografie di Gori Mirarchi e luci e fonica di Mattia Procopio. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.teatrohercules.it.




Local Genius
www.localgenius.eu
16 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook