Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Far crescere l’uso della moneta elettronica e dei Pos, Confesercenti: abbattere i costi di utilizzo dello strumento

“L’adozione della moneta elettronica da parte delle imprese italiane continua a crescere a ritmi record. Nel 2016 la base installata di POS (i dispositivi Point of Sales necessari per accettare pagamenti via bancomat o carta di credito) ha raggiunto il numero di 2,18 milioni, con un aumento di 235mila unità sull’anno precedente (+12%) e di quasi 800mila (+58%) rispetto al 2011. È quanto emerge da un’analisi condotta da Confesercenti sui sistemi di pagamento a partire dai dati Banca d’Italia. In media, negli ultimi cinque anni sono stati attivati ogni giorno più di 400 nuovi POS. La loro crescita ha superato, in velocità, persino quella del numero di carte di pagamento personali, che nei cinque anni in esame aumentano del 36,8%, per circa 17,8 milioni di carte abilitate in più. Per lo più si tratta di bancomat: a trainare l’incremento, infatti, sono le carte di debito, che passano dai poco più di 36 milioni del 2011 ai 53,7 del 2016: 17,5 milioni di carte in più (+48,5%)”. Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata da Confesercenti nazionale il 7 agosto 2017, e che riportiamo integralmente.


“Le imprese, in particolare quelle del commercio, hanno deciso liberamente di adottare sistemi di pagamento elettronici, nonostante il legislatore non prevedesse sanzioni”, commenta Patrizia De Luise, Presidente di Confesercenti. “Introdurre delle multe vorrebbe infatti dire solo punire quelle categorie di imprese che – a causa di margini di partenza ristretti – hanno difficoltà a sostenere il peso delle commissioni legate alle transazioni elettroniche: gestori carburanti, tabaccai, edicolanti e bar. Un problema riconosciuto anche dallo Stato: non a caso un vecchio decreto liberalizzazioni – cui purtroppo non è stato dato seguito - proponeva per i carburanti la gratuità delle commissioni in caso di pagamenti fino a 100 euro. La diffusione della moneta elettronica - conclude De Luise - si aumenta abbattendo i costi di utilizzo dello strumento, in particolar modo sui micro-pagamenti, non imponendo sanzioni che condizionano la libera attività di impresa”.




Local Genius
www.localgenius.eu
8 agosto 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook