Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Italia, industria lattiera e casearia, prevalgono le piccole aziende. Confronto e proposte a Cremona

Nell´ambito della Fiera Internazionale del Bovino da Latte, incontro con Tiziana Cattaneo del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura


L'industria lattiero-casearia italiana (nel 2011 al primo posto nella filiera alimentare nazionale con un fatturato di 15 miliardi di euro) è composta per meno del 30% di grandi imprese; la maggior parte consta, invece, di medie, piccole e micro aziende che hanno bisogno di modificare metodi di produzione e strategie per il futuro per poter continuare ad essere competitive sul mercato nazionale ed estero. La trasformazione della realtà casearia passa necessariamente per l'auto approvvigionamento energetico e per la miniaturizzazione e la semplificazione delle dotazioni impiantistiche: ne ha parlato questa mattina (26 ottobre, ndr) a CremonaFiere, nell'ambito della Fiera Internazionale del Bovino da Latte, Tiziana Cattaneo del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura - Unità di Ricerca per i processi dell'industria agroalimentare. E' quanto si legge in una nota ufficiale diramata da CremonaFiere il 26 ottobre 2012, e che riportiamo nella sua stesura integrale.


UN SISTEMA 'POLVERIZZATO'
"La stragrande maggioranza delle imprese casearie italiane è di dimensioni ridotte - spiega Cattaneo - e, per questo, necessita di intraprendere nuovi percorsi per sostenere le sfide del mercato globale, nonostante alcuni filoni continuino a reggere piuttosto bene (in particolare quelli dei prodotti biologici e dei packaging innovativi per l'industria casearia). Le aziende sono orientate soprattutto verso produzioni DOP che, a dispetto dei plurimi tentativi di imitazione, coprono una grossa fetta del mercato: si tratta di prodotti di nicchia ai quali viene riconosciuto un elevato valore aggiunto e che godono di grande favore presso i consumatori. Proprio per conservare queste specificità occorre fornire aiuti sostanziali ai produttori".


IL  SUPPORTO PUBBLICO ALLE IMPRESE
Cattaneo illustra le strategie di sostegno ai piccoli produttori: "Il Ministero alle Politiche Agricole e Forestali ha promosso iniziative a livello progettuale proprio per verificare la possibilità di essere di supporto all'impresa italiana. Il compito della ricerca pubblica, in particolare del Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura, è quello di elaborare un'offerta in grado di intercettare la domanda proveniente dalle imprese. Quali, in concreto, le questioni da affrontare? Rispettare le nuove leggi europee per la sicurezza non solo di prodotto, di filiera e di processo, ma anche dei lavoratori e dei consumatori e standardizzare il più possibile le produzioni così da ottenere risultati omogenei e uniformi capaci di soddisfare le richieste e le aspettative di consumo".


IL PROGETTO MIERI
"Con il progetto Mieri si punta alla miniaturizzazione e alla semplificazione delle filiere agroalimentari: è fondamentale valutare e sperimentare per fornire ai piccoli e medi produttori, alle fattorie didattiche, agli agriturismi e ai consorzi di piccoli produttori impianti che offrano forti garanzie di qualità - dice Cattaneo -; parallelamente  si sta provando l'impiego di energie alternative o di recupero parziale dei reflui dell'industria casearia così da assicurare ai produttori prospettive di valore aggiunto o di diminuzione dei costi. Il progetto sulla miniaturizzazione e semplificazione che riguarda il lattiero caseario si concluderà nel marzo del 2013, con un appuntamento ad hoc organizzato presso la 'Fondazione Bolognini' a Sant'Angelo Lodigiano: in quella sede verranno presentati i prototipi degli impianti progettati e ne verrà illustrato il funzionamento. Tra le imprese c'è grande interesse: sono molti sia i costruttori di impianti che i produttori di energie alternative coinvolti tra Emilia Romagna e Lombardia; tra gli autori delle attrezzature per mini-caseificio figurano anche ditte umbre. L'offerta dei macchinari verrà affiancata da corsi di formazione del personale e da corsi di aggiornamento per il corretto utilizzo degli impianti".




Local Genius
www.localgenius.eu
27 ottobre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook