Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Italpig Cremona e indagine Nomisma: acquisto prosciutti, confusione tra i consumatori italiani


A dispetto dell'importanza attribuita al Made in Italy, di fronte all'acquisto di prodotti di carne suina (e di prosciutti in particolare) i consumatori  dimostrano una scarsa informazione e un atteggiamento decisamente confuso: lo confermano i dati raccolti da Nomisma nella ricerca "La filiera suinicola italiana delle Dop e la percezione del consumatore sull'origine dei prosciutti venduti in Italia" commissionata da Assosuini e presentata questa mattina (25 ottobre, ndr) a Cremona nella cornice di Italpig, il salone della suinicoltura italiana, in corso fino a domenica 28 ottobre in contemporanea con la Fiera Internazionale del Bovino da Latte. I risultati sono stati illustrati da Denis Pantini, responsabile Agricoltura e Industria alimentare di Nomisma. L'indagine dimostra come "la riduzione delle asimmetrie informative per una miglior trasparenza di mercato rappresenta una condizione utile ad uno sviluppo della filiera suinicola dei prodotti DOP, a cui affiancare altri interventi strutturali e di mercato in grado di valorizzare maggiormente il prodotto a marchio comunitario". E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale di Cremonafiere diramata il 25 ottobre 2012 e che qui di seguito riportiamo nella sua stesura integrale.


I CRITERI DI ACQUISTO: L'ITALIANITA' E' IMPORTANTE
Il 46,6% degli intervistati dichiara di basare l'acquisto di prosciutto crudo principalmente sulla provenienza italiana del prodotto; l'11,1%, inoltre, indica la presenza del marchio DOP come fattore imprescindibile. Non solo: il 73,2% reputa "molto importante" che il prosciutto sia ottenuto da maiali allevati in Italia. Il prezzo, invece, ha una rilevanza decisamente inferiore: il 13,7% compra in relazione alle offerte e alle  promozioni proposte dal singolo punto vendita, mentre soltanto il 5,4% ammette di preferire un "prezzo basso".


TIPOLOGIE DI PROSCIUTTO: UNA NOMENCLATURA POCO CHIARA
Se il 55,7% dei consumatori ha acquistato negli ultimi sei mesi soprattutto Prosciutto di Parma e il 21,5% soprattutto prosciutto di San Daniele, è tuttavia significativa la quota di coloro che hanno preferito prosciutti genericamente definiti "nostrano" (8,9%) e "di montagna" (4,4%). "Ovviamente - ha evidenziato Pantini - si tratta di definizioni a dir poco fantasiose, in quanto non rispondenti ad alcuna disciplina specifica". Le indicazioni che accompagnano la vendita di alcuni tipi di prosciutti risultano, perciò, ingannevoli, disorientando l'utente finale: chi acquista prodotti  'nostrani' e 'di montagna' è convinto nel 76% dei casi di consumare prosciutto "stagionato in Italia con cosce di maiali italiani".


ETICHETTATURA OBBLIGATORIA PER LA PROVENIENZA DELLE CARNI
La battaglia dei suinicoltori per ottenere sull'etichetta l'indicazione della provenienza delle carni è suffragata anche dal giudizio degli stessi consumatori: ben l'82% si dice "molto favorevole" all'obbligo di specificare il luogo d'origine delle carni. Una misura che la filiera suinicola reputa assolutamente vitale anche alla luce dell'evidente confusione che regna tra gli acquirenti: 'soltanto' il 57,2%, ad esempio, sa che il crudo di Parma è un prodotto a marchio DOP. La conoscenza è inadeguata anche sul prosciutto cotto: il 54,7% è convinto che sia ottenuto solo da cosce suine intere, l'81,9% dichiara che è fatto di sola carne di maiale senza aggiunte di altri prodotti e il 64,6% crede che quello con la dicitura "nazionale" sia fatto solo con maiali allevati in Italia.


TUTELARE LA QUALITA'
Ben il 65% dei suini macellati in Italia sono destinati ai prodotti DOP (pari ad oltre 8,5 milioni di capi nel 2011). Ma la vocazione all'alta qualità della suinicoltura italiana merita di essere tutelata e valorizzata: "Abbiamo commissionato questo studio sulla scia dei timori che attraversano l'intero comparto produttivo - ha dichiarato la presidente di Assosuini Angiola Coffinardi -. Il consumatore finale non sa che cosa acquista né come è fatto. Un fatto che, ovviamente, penalizza pesantemente chi produce alimenti di alta qualità. Per questo occorrono, prima di tutto, precise regole per l'etichettatura".




Local Genius
www.localgenius.eu
26 ottobre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook