Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Lamezia Terme, spettacolo della cantastorie Francesca Prestia al Politeama


E' stato illustrato oggi (9 novembre 2012, ndr), nella sala Guzzi del parco Peppino Impastato, a Lamezia Terme (Cz), lo spettacolo della cantastorie Francesca Prestia, alla presenza del sindaco Gianni Speranza, del vice sindaco Francesco Cicione e delle assessore Pina Abramo e Anna Maione. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata dal Comune di Lamezia Terme il 9 novembre 2012, e che qui di seguito riportiamo integralmente. Lo spettacolo che andrà in scena sabato 10 novembre 2012, alle ore 21.00, nel Teatro Comunale Politeama di Lamezia Terme, è organizzato - precisa la nota stampa ufficiale - dal Comune di Lamezia Terme e dall’Associazione culturale Assoformac Fimmini d’u Sud, di e con Francesca Prestia, cantastorie calabrese che con i suoi cunti ed i suoi canti invita tutti a riscoprire le radici, i valori, le lotte, il coraggio e il desiderio di riscatto del popolo di Calabria. Lo spettacolo rappresenta una tappa del percorso intrapreso dall'Amministrazione comunale, iniziato il 30 ottobre con il ricordo di Adele Bruno e che si concluderà con la celebrazione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre. Francesca Prestia è soprattutto donna che canta le donne. Donne come Melusina e La pigiatrice d’uva, rese immortali dalla penna di Corrado Alvaro; Antonuzza, delicatamente ricordata in uno scritto di Mario La Cava; Penny Petrone, figlia di emigrati calabresi in Canada; Angelina Mauro, contadina uccisa nella rivolta di Melissa; Generosa Cardamone, Francesca La Gamba, Filomena Pennacchio e Michelina De Cesare, coraggiose brigantesse meridionali. Donne gloriose, dolorose, impavide o drammatiche, tutte più o meno conosciute ma sicuramente protagoniste della storia della Calabria e del Sud. E oggi con il suo canto - prosegue la nota stampa ufficiale - vuole celebrare quelle donne calabresi come Lea Garofalo e Giuseppina Pesce che, nel ruolo di “pentite di ‘ndrangheta”, sono diventate autrici e testimoni di una vera rottura nella trasmissione dei disvalori mafiosi. Ballate tradizionali come la ninna nanna “Lu bene re la mamma sì tu, figghja” si alternano a ballate dal tragico e poetico sapore contemporaneo tratte dalle pagine di cronaca nera come la “Ballata di Lea” tutte condite dalle sonorità aspre e dolci del dialetto per cantare il passato e il presente. E proprio con la sua “Ballata di Lea", la cantastorie ha, di recente, conseguito la Menzione Speciale nel contest nazionale "Musica contro le mafie 2012" promosso dalla MKRecords e la MEI-Meeting Etichette Indipendenti, con la seguente motivazione: “La Cantastorie Francesca Prestia, canta dei soprusi e dei diritti e con i suoi cunti ha dato e dà voce a molte donne che con il loro coraggio aprono varchi alla libertà ed alla giustizia”.




Local Genius
www.localgenius.eu
9 novembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook