Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius taranta wine Dotro libro briganti Rubino Rubino Monardo sponsor vini passiti jonio reggino Integra antonio-jerocades Istituto Agrario Catanzaro magazine-localgenius Video Calabria Fruit banner DOP JGP Vinitaly 2014 Vinitaly web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Latte e derivati, Shaurli: con obbligo origine in etichetta valorizzate le produzioni del Friuli Venezia Giulia

L’assessore regionale alle Risorse agricole e forestali: maggiore trasparenza consentirà scelte d’acquisto più consapevoli e proiettate al consumo responsabile

“Finalmente dopo un’importante lavoro di confronto con l’Unione Europea una grande occasione per il made in Italy e per la produzione lattiero casearia anche del Friuli Venezia Giulia: una maggiore trasparenza nell’etichetta del latte e dei prodotti derivati consentirà scelte d’acquisto più consapevoli e proiettate al consumo responsabile e di qualità, permetterà ai nostri cittadini di poter scegliere formaggi e latticini interamente italiani e dare così anche il giusto riconoscimento al grande lavoro dei nostri agricoltori”. Lo ha sostenuto l’assessore regionale alle Risorse agricole e forestali del Friuli Venezia Giulia, Cristiano Shaurli, nel giorno in cui in Italia entra in vigore  l’obbligo di indicare in etichetta il Paese di mungitura e quello di trasformazione dei prodotti lattiero-caseari, così come previsto dal decreto del Ministero delle Politiche agricole del 9 dicembre 2016 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 15/2017), in attuazione del regolamento (UE) n.1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Lo si legge in una nota stampa ufficiale della Regione Friuli Venezia Giulia diramata il 19 aprile 2017, e che riportiamo integralmente. Per Shaurli – si legge nel comunicato - “il latte italiano non potrà più essere confuso con il latte importato e l’etichettatura garantirà una migliore valorizzazione della nostra produzione e delle nostre peculiarità, consentendo ai nostri bambini di bere latte sano e dalle famiglie di sapere esattamente da dove arriva e come è fatto quel prodotto. Così anche il grande impegno profuso dalla Regione, dal Friuli al Carso, per la salvaguardia della produzione locale diventa ancor più attuale e lungimirante”. “Con il Ministero delle Politiche agricole e le altre Regioni vi è stata una costante collaborazione che ha portato a questo grande traguardo, raggiunto - ha concluso Shaurli - mantenendo la Regione Friuli Venezia Giulia sempre in raccordo anche con le nostre associazioni di categoria, giustamente molto sensibili sull’argomento. Insieme a loro ed a tutto il comparto ora sarà fondamentale il lavoro di informazione e sensibilizzazione a partire da scuole e media”.




Local Genius
www.localgenius.eu
20 aprile 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook