Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Le esportazioni di riso da ex Birmania, India e Paraguay creano difficoltà al riso italiano

Confagricoltura nazionale rilancia le preoccupazione della Federazione nazionale della Risicoltura

L’andamento insoddisfacente delle quotazioni dei risoni, soprattutto per quanto riguarda le varietà tipicamente consumate in Italia  come Carnaroli e Arborio, preoccupa la Federazione nazionale della Risicoltura di Confagricoltura, che si  è riunita in un’area vocata come quella di Mortara (Pavia), per fare il punto della situazione economica e di mercato del settore nella campagna 2012/2013. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata da Confagricoltura nazionale, e che riportiamo integralmente. I prezzi all’origine sono più bassi del 30% rispetto ad ottobre 2012, anche a causa - prosegue la nota stampa - di una produzione cresciuta del 10% nel momento in cui la domanda dell’industria risiera risente di una contrazione dei consumi finali dell’1%. “Se il prezzo di mercato non si riprenderà nei prossimi mesi, non c’è da stare allegri - ha commentato Giuseppe Ferraris, presidente della Federazione nazionale Risicoltura -. Si stanno affacciando nel mercato europeo nuovi Paesi fortemente esportatori, come il Myanmar (ex Birmania) e il Paraguay”. Ad avviso di Confagricoltura non va sottovalutata poi l’India che ha ripreso ad esportare su larga scala le varietà “indica”; la prospettiva di una svalutazione ‘pilotata’ di tutte le monete asiatiche rispetto all’euro, renderà ancora più competitive le importazioni in Europa di riso proveniente da quella parte del globo. “La produzione di risone - ha concluso il rappresentante di Confagricoltura - non può continuare a muoversi in ordine sparso in un mercato di cui l’industria risiera mantiene saldamente il controllo e in cui i risicoltori non hanno peso sufficiente per incidere sui prezzi. Le cooperative ed i consorzi di vendita del risone sono già pronti ad offrire, per la corrente campagna, a tutti i risicoltori gli strumenti agevolati e le modalità di commercializzazione di cui beneficiano i propri soci per immettere sul mercato la produzione nel momento migliore”.




Local Genius
www.localgenius.eu
6 febbraio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook