Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Lettere di bimbi cosentini a Babbo Natale: il Comune presenta un libro


Circa 200 letterine, scelte tra le mille imbucate nel dicembre 2011, esattamente un anno fa, nelle cassette postali di Babbo Natale dislocate in città e nelle scuole primarie di Cosenza. Ora quelle lettere sono state racchiuse in un libro che nel titolo cita l’incipit di una di esse: “Voglio un orso”. E' quanto si legge in una nota stampa diramata dal Comune di Cosenza il 18 dicembre 2012, e che qui di seguito riportiamo integralmente. Il libro, edito da Rubbettino, è stato fortemente voluto dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Mario Occhiuto e dall’Assessore alla scuola e alla città a misura di bambino Marina Machì che ne ha curato personalmente l’edizione, insieme alla selezione delle lettere, leggendole una per una, tutte e mille. Il piccolo, ma prezioso volume offre un meraviglioso e sorprendente spaccato della comunità cosentina, vista con gli occhi dei bambini delle scuole primarie della città che nelle poche righe delle loro lettere avanzano richieste, esprimono desideri, coltivano speranze. Giovedì 20 dicembre, alle ore 17.00, nello scrigno giallo della Città dei Ragazzi, “Voglio un orso” sarà presentato nel corso di un incontro al quale parteciperanno il Sindaco Mario Occhiuto, l’Assessore alla scuola Marina Machì e l’editore Florindo Rubbettino. Previsti anche gli interventi di Francesco Garritano, docente di ermeneutica filosofica all’Università della Calabria, del giovane scrittore Andrea Amoroso e della scrittrice di fiabe e cantastorie Rosanna Reda.


Il libro “Voglio un orso” sarà in distribuzione, subito dopo la presentazione, in tutte le librerie della città. L’Assessorato alla scuola - prosegue la nota stampa ufficiale - ne curerà la distribuzione anche in tutte le scuole primarie del territorio. “Pubblicare le lettere contenute in questo bel libro – scrive nella presentazione al  volume il Sindaco Mario Occhiuto – equivale a fornire un primo feed-back, un concreto gesto di vicinanza, anche se nell’impossibilità di una risposta puntuale, a scenari troppo spesso difficili, quali l’emigrazione, la disoccupazione, la povertà, l’handicap. Nella palese difficoltà della vita quotidiana, però, non viene meno una luce. Di buon senso, umorismo, intelligenza. Le lettere a Babbo Natale – scrive ancora il Sindaco Occhiuto – sono il modo più semplice per mantenere la memoria dei natali passati, da quelli della nostra fanciullezza a quelli più recenti. Una città bella – conclude Occhiuto – è una città a misura di bambino, una città inclusiva, solidale. La città in cui tutti vorremmo veder crescere i nostri figli. Queste lettere ci ricordano che la bellezza è semplicità e che la semplicità, talvolta, porta la gioia”. Alla presentazione del Sindaco, nel libro, segue l’introduzione dell’Assessore Marina Machì. “Quando vengono lasciati liberi di scrivere – afferma la Machì – i bambini sono capaci di esprimere concetti inimmaginabili e sorprendenti, sia dal punto di vista dei contenuti che sotto il profilo sociologico. E non hanno bisogno di tanti giri di parole, ma vanno subito al sodo o comunque tergiversano poco. Se il desiderio di Ludovica, ad esempio, è quello di avere un cane vero, Pierfrancesco osa molto di più: vuole un orso vero, lo vuole del Polo Nord e scandisce “bianco, tenero, elegante, un orso buono, non cattivo,  né neutro” Sembra pleonastico sottolinearne il valore poetico e il fatto che si sia imposto come titolo del libro. I bambini – conclude Marina Machì – twittano senza saperlo. O forse siamo noi adulti che cifriamo i loro desideri con il ritmo del tweet. Questo libro è una macchina desiderante. I bimbi, nonostante tutto conguettano e io me li bacerei tutti (questa frase conclusiva è di 103 caratteri, spazi inclusi)”.




Local Genius
www.localgenius.eu
20 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook