Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Mario Oliverio a Ottawa e Montréal ha incontrato i Calabresi del Canada

Mario Oliverio, presidente della Provincia di Cosenza (foto...

Mario Oliverio, presidente della Provincia di Cosenza (foto d'archivio)

Il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, ha partecipato all’inaugurazione del Centro Storico Italiano-Canadese di Ottawa. L’apertura dell’importante struttura ha richiamato un’ampia partecipazione tanto della comunità italiana quanto delle istituzioni canadesi. E' quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata dalla Provincia di Cosenza il 31 gennaio 2013 e che riportiamo integralmente. Introdotta da Josephine A. L. Palumbo, presidente del National Congress Italiani in Canada, la cerimonia - prosegue la nota stampa ufficiale - ha visto la presenza dell’Ambasciata Italiana con il dottor Giovanni Maria De Vita ed ha contato gli interventi di Bob Chiarelli, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e membro del Parlamento di Ottawa, Jim Watson, sindaco di Ottawa, Nicola Lener, consigliere dell’Ambasciata italiana e Mario Cuconato, presidente di ‘Villa Marconi’, che ospita il Centro. Nel corso degli interventi è stata posta al centro l’importanza delle relazioni italo-canadesi e sottolineato il ruolo della comunità italiana nelle attività economiche, sociali, culturali del Canada.


“L’istituzione del Centro Storico Italiano-Canadese - ha detto Oliverio - costituisce un fattore di notevole importanza per gli studi  sulla presenza italiana in Canada ed in particolare per la conoscenza di stagioni storiche drammatiche come quella del Fascismo che ha avuto riverberi negativi  per la comunità italiana anche all’estero. Il Centro consente la ricostruzione storica delle relazioni e della presenza della nostra comunità nel Nord America come fattore di crescita e di sviluppo di questa realtà. Soprattutto, permette di sviluppare con costanza iniziative culturali e relazioni economiche e commerciali con il nostro Paese”. “La comunità calabrese che in Canada è fra le più rilevanti nella comunità italiana - ha affermato ancora - ha dato un contributo di primo piano per la realizzazione del Centro Storico Italiano-Canadese di Ottawa. Un sentito ringraziamento porgo ai calabresi, e sono tanti, impegnati quotidianamente nelle associazioni e nelle istituzioni italo-canadesi per affermare la cultura e la identità italiana e calabrese. Un particolare saluto rivolgo a Bob Chiarelli, già Sindaco di Ottawa e Ministro delle infrastrutture che ho avuto modo di conoscere ed  apprezzare in Calabria, in occasione delle sua visita a Cleto, centro della nostra provincia, suo luogo d’origine”.


Prima di recarsi ad Ottawa, il presidente Oliverio, su invito dell’Associazione dei cosentini di Montréal, aveva partecipato,  domenica 27 gennaio, ad un incontro con la comunità cosentina e calabrese di quest’altra importante città canadese che, introdotto dal presidente dell’Associazione, Italo Staffa, aveva visto la partecipazione di numerose associazioni ed interi nuclei familiari. Presente il Console italiano a Montréal, dottor Enrico Padula, il quale aveva rivolto un saluto alla comunità calabrese ed auspicato un rapporto più intenso tra rappresentanti delle istituzioni del nostro Paese e la comunità italiana in Canada, erano intervenuti il senatore Basilio Giordano, l’on. Amato Berardi, il  senatore Renato Turano ed il  dottor Giovanni Rapanà,  membro del Consiglio Generale dell’Emigrazione. Chiamato a parlare all’affollata platea, salutata con grande affetto,  l’on.  Mario Oliverio aveva anche in quella occasione auspicato una intensificazione dei rapporti tra le istituzioni dell’Italia  e le comunità dei calabresi in Canada e nel mondo che hanno saputo affermare con grande dignità la propria presenza. “Le nostre comunità all’estero ed in particolare nell’America del Nord ed in Canada - aveva sottolineato - costituiscono un patrimonio ed una risorsa di prim’ordine che il nostro Paese deve saper utilizzare perché può trarne un formidabile aiuto per affermare una nuova fase di crescita e di rilancio della sua presenza nello scenario internazionale. I calabresi sparsi nel mondo e presenti in America possono contribuire all’apertura di una stagione davvero nuova per la Calabria. Per questo è necessario stabilire un rapporto costante e non episodico, programmare in modo organico ed intelligente iniziative, progetti concreti e costruire un sistema di relazioni per fare della presenza dei calabresi e degli italiani nel mondo un forte fattore di sviluppo. Pertanto, pensiamo che le relazioni tra le nostre comunità in Canada e la loro terra d’origine debbano essere curate con nuova attenzione. La Calabria potrebbe trarre grande beneficio se i nostri  emigrati e le loro associazioni assumono la funzione di messaggeri nel mondo del nostro patrimonio di identità, di valori, della nostra storia, della nostra cultura, delle bellezze paesaggistiche della nostra terra”.




Local Genius
www.localgenius.eu
1 febbraio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook