Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Marzemino Doc, premiati i migliori vigneti. Isera, il territorio protagonista

Giuria presieduta da Attilio Scienza. Erano 37 le aziende agricole partecipanti. Il grande potenziale vitivinicolo e identitario di una comunità

Grappoli e viti di Marzemino (foto di Florio Badocchi...

Grappoli e viti di Marzemino (foto di Florio Badocchi allegata alla nota stampa diramata da Paolini Comunicazione)

“Anche quest’anno il premio non è andato all’etichetta migliore ma al produttore più virtuoso. La XII edizione della “Vigna Eccellente”, andata in scena sabato 29 settembre a Isera (Tn), ha posto ancora una volta l’accento sull’importanza di una viticoltura  non solo sostenibile per il territorio in cui nasce, ma anche stimolante per il produttore che la porta avanti e sempre più appetibile per il consumatore a cui è rivolta. Proprio per stimolare questo tipo di sensibilità in addetti ai lavori e consumatori 12 anni fa il Comune di Isera (Tn), patria dell’omonimo Marzemino Doc ed esempio di eccellenza per la promozione del proprio territorio nel rispetto dell’ambiente, istituì un premio dedicato non al prodotto finale, il vino, ma al singolo vigneto e soprattutto volto a valorizzare l’impegno e la cura del viticoltore”. Questo è quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata l’1 ottobre 2012.
 
 
L’edizione 2012, organizzata dalla Cooperativa “La Casa del Vino della Vallagarina”, dal Comune di Isera e da Trentino Marketing spa – leggiamo testualmente nella citata nota stampa che riportiamo qui di seguito nella sua stesura integrale - ha visto la partecipazione di 37 aziende agricole, per un totale di 237.708 mq di “vigneti eccellenti”, giudicati da un board di esperti presieduto dal prof. Attilio Scienza, Ordinario di Viticoltura presso il Dipartimento di Produzione Vegetale della Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Milano, che è stato coadiuvato da: Lucia Bellaspiga, giornalista; Paolo Benvenuti, direttore dell’Associazione Nazionale Città del Vino; Carlo Cambi, giornalista; Paolo Massobrio, giornalista; Nereo Pederzolli, giornalista; Andrea Grignaffini, giornalista; Francesco Graziola, rappresentante della Cassa Rurale di Isera; Flavio Mattedi, direttore tecnico dell’Istituto Agrario di San Michele dell’Adige.
 
 
I “Vigneti eccellenti” 2012 sono risultati i seguenti:

1° posto Scrinzi Stefano – vigneto località Cesura
2° posto Azienda Agricola Vicentini – località Maso Cont
3° posto Parisi Franco – localtà Campiam
 
 
L’ultima edizione de “La Vigna Eccellente” – riferisce ancora la nota stampa ufficiale - ha dato l’occasione ai suoi organizzatori di proporre un ricco cartellone di eventi collaterali che hanno dato vita a un vero e proprio “Wine day” apprezzato dalle centinaia di enoappassionati che hanno raggiunto Isera nella giornata di sabato. Tra degustazioni, incontri nelle cantine, specialità a tavola e nel bicchiere, il nuovo programma ha dato la possibilità di fare avvicinare il grande pubblico alle tematiche principali che stanno alla base del premio: il rispetto per il proprio territorio da perseguire attraverso un patto tra produttori, realtà economiche, istituzioni e consumatori che dia vita a una gestione virtuosa del patrimonio naturale grazie alla collaborazione di tutti gli attori in gioco. Proprio come succede a Isera, territorio “eccellente” grazie al contributo di istituzioni e privati. Il premio anche quest’anno è stato supportato dalla Provincia Autonoma di Trento tramite Trentino Marketing spa,dalla Cassa Rurale di Isera, dall’Azienda di Promozione turistica di Rovereto e Vallagarina e da Montura, enti che hanno intravisto nell’iniziativa del Comune di Isera un’occasione importante di dibattito e di approfondimento per conoscere al meglio le caratteristiche del Marzemino e le sue origini e per studiare il ruolo dell’uomo nella preservazione e nella valorizzazione dei vigneti.
 
 
Local Genius, giornale delle identità territoriali, ha letto con grande interesse la nota stampa che vi abbiamo proposto, in quanto la sua “mission” verte proprio sulla massima valorizzazione e promozione del “dna” e dell’anima dei territori quale migliore possibile risposta alla globalizzazione dei mercati. L’Italia, dalle Alpi a Pantelleria, dalla Sardegna all’Adriatico dispone di “giacimenti petroliferi” puliti, belli, sani, profumati e assolutamente unici, irripetibili, non delocalizzabili. Ci riferiamo all’immenso patrimonio fatto di storia, culture ultramillenarie, arte, archeologia, tradizioni, enogastronomia, agroalimentare, artigianato di qualità, prodotti tipici d’eccellenza: questa è la base per generare sviluppo, creare i posti di lavoro che mancano, sfidare i mercati internazionali forti di un valore aggiunto che nessun altro al mondo possiede. Iniziative come quella della “Vigna Eccellente” vanno nella direzione giusta e pertanto meritano la massima visibilità. Si legga, a tal proposito, anche un ampio servizio dedicato di recente da Local Genius al premo annuale “Viticoltori d’Eccellenza di Cirò” e alla filiera del Gaglioppo: http://www.localgenius.eu/la-filiera-del-gaglioppo-il-ruolo-dei-librandi-nella-calabria-vitivinicola-251.htm
 
 
La nota stampa ufficiale proposta da Paolini Comunicazione è corredata di tre approfondimenti che è utile riportare qui integralmente.
 
Isera, un paese all’avanguardia per l’attenzione all’ecologia e alla preservazione del paesaggio
Isera, città dalla forte impronta architettonica lasciata dalla dominazione veneziana, non si distingue solo per essere la “capitale” del Marzemino, ma anche e soprattutto per l’impegno che da anni l’amministrazione pone nel rispetto per l’ambiente e la preservazione del territorio. Isera è infatti attualmente l’unico esempio in Europa di comune modello per la produzione di energia rinnovabile e sostenibile, grazie a due progetti già implementati. Il primo progetto è rappresentato dalla barriera fotovoltaica ed antirumore sull’A22 del Brennero, ai confini di Isera: l’unica nata con il preciso scopo di assolvere le due funzioni in contemporanea. Il secondo impianto è per la generazione dell’idrogeno prodotto con energia fotovoltaica, progetto sperimentale che ha promosso l’Università di Trento e finanziato dalla Provincia Autonoma di Trento, Assessorato all'Energia. Il Progetto Idrogeno permette sperimentazioni empiriche atte a verificare l’effettiva convenienza energetica dei vari passaggi necessari per arrivare all’accumulo dell’idrogeno. Consente anche di affrontare una delle difficoltà che hanno le varie energie rinnovabili pulite, tra cui sole, acqua, vento: quello dell’accumulo e del successivo utilizzo nei momenti di maggior richiesta o quando il prezzo è economicamente più conveniente. Ambiente, ospitalità, cucina e vino: elementi che costituiscono il motivo dell’apprezzamento e del successo del turismo enogastronomico di Isera e del resto del Trentino Alto Adige.
 
 
Cos’è il Marzemino
È un vitigno autoctono italiano, comparso in Italia nel XV secolo nella zona di Brescia, Padova e in Friuli. Oggi è particolarmente coltivato anche in Trentino (varietà Marzemino Gentile) nelle zone di Isera e Volano. Da qui nasce il vino Trentino Marzemino Doc, il più tipico della Vallagarina, la cui produzione è consentita nella provincia di Trento. La zona classica in cui il vitigno raggiunge la massima espressione qualitativa è sicuramente quella di Isera, dove ha trovato l'habitat ideale sugli scuri terreni basaltici. I grappoli si presentano di medie dimensioni con le caratteristiche "ali", gli acini sono medio-piccoli di color nero-bluastro con buccia resistente e pruinosa. Pur generoso in termini qualitativi il Marzemino, non lo è altrettanto in fase produttiva; gelate e venti primaverili vanno ad aggiungersi alla già scarsa fertilità varietale, non garantendo così al viticoltore grandi quantitativi di produzione. Il suo colore è inconfondibile, un rubino deciso che contrasta con il profumo sorprendentemente delicato con fragranze immediate di frutti di bosco e aromi floreali, ma anche note speziate, menta e toni balsamici. Il suo gusto è invece pieno, armonico e succoso così da richiamare le fragranze avvertite nell’impatto olfattivo. Ideale per accompagnare primi piatti con sughi di funghi, carni bianche e rosse, salumi o insaccati serviti caldi o freddi.
 
 
La Vallagarina
Isera si trova in provincia di Trento ed è situata in Vallagarina, costellata di vigneti e castelli, protagonista della storia trentina. Tra le principali attrattive di interesse culturale il M.A.R.T, Museo d'Arte Moderna e Contemporanea. Diversamente interessante il Museo Storico Italiano della Guerra al Castello di Rovereto, che da più di ottant'anni raccoglie e conserva reperti e documenti relativi alla Prima Guerra mondiale. Sul Monte Zugna, lo straordinario ritrovamento delle piste dei dinosauri, ben visibili in un costone roccioso. Le colline circostanti della Vallagarina sono punteggiate di castelli: tra i più spettacolari vi è certamente Castel Beseno, che domina la piana di Besenello, poi Castel Noarna, Castello di Castellano, Castel Pietra, il già citato Castello di Rovereto, il Castello di Sabbionara d'Avio e nel Comune di Isera Castel Corno.




Local Genius
www.localgenius.eu
3 ottobre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook