Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Mercato del lavoro, Confcommercio: permane situazione molto difficile


"Gli ultimi dati sul mercato del lavoro segnalano il permanere di una situazione molto difficile. Il tasso di disoccupazione si approssima all’11%, valore che non si osservava da oltre un decennio. L’aumento delle persone in cerca di occupazione continua, poi, ad associarsi alla riduzione degli inattivi, fenomeno che trova in parte spiegazione nell’allungamento della vita lavorativa indotto dalle recenti modifiche legislative. Inoltre, la riduzione continua del reddito disponibile delle famiglie induce una parte di soggetti, prima fuori dal mercato, a cercare, attraverso un lavoro di qualsiasi tipo, un’integrazione delle proprie risorse, provocando un ampliamento delle forze di lavoro ma incrementando, al tempo stesso, il tasso di disoccupazione considerato l’esito negativo di maggior parte di queste ricerche". Questo il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati sull’occupazione diffusi dall’Istat, diramato con una nota stampa del 31 agosto 2012. "Inoltre – prosegue la nota di Confcommercio - sulla base dei dati più analitici, riferiti al periodo aprile-giugno, si rileva come le difficoltà nel trovare un’occupazione non interessino solo la fascia più giovane (15-24 anni), ma coinvolgano in misura di un certo rilievo anche la fascia fino a 50 anni con il rischio, in molti casi, di un’esclusione dal processo produttivo di segmenti della popolazione che, per numerosità e risvolti sociali, potrebbe avere un impatto particolarmente negativo sul sistema".




Local Genius
www.localgenius.eu
31 agosto 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook