Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

La mission di Local Genius: identità, dna e anima dei territori per non subire la globalizzazione

di: Massimo Tigani Sava - Direttore responsabile di Local Genius

Massimo Tigani Sava

Massimo Tigani Sava

I decenni a cavallo del XXI secolo stanno vivendo una rivoluzione sociale ed economica dirompente. Abbiamo assistito a qualcosa di simile nell’Ottocento, quando, a partire dalla vecchia Inghilterra, la potenza dell’industria trasformò radicalmente, in poco tempo, milioni di contadini e artigiani in operai o in sottoproletariato urbano. Si era da poco affievolita, almeno per certi aspetti, la spinta propulsiva delle Rivoluzioni americana e francese, che un terremoto ancora più violento sconvolse l’intera umanità, con una progressione di innovazioni scientifiche e tecnologiche senza tregua: la meccanizzazione degli strumenti di lavoro, i primi opifici, l’elettricità, il motore a vapore e poi a scoppio, il telegrafo… E ancora il telefono, la radio, la tv, l’energia nucleare, i primi computer. Ogni invenzione ha mutato radicalmente gli stili di vita e la convivenza civile, ha modificato valori e princìpi, usi e costumi.

 

Non voglio affrontare in maniera deterministica il rapporto che esiste tra evoluzione scientifico-tecnologica ed economica da un lato e progresso sociale dall’altro, né sottovalutare che molto probabilmente i mutamenti delle condizioni materiali trovano alimento e origine nella primaria progressione del pensiero, delle idee, delle elaborazioni filosofiche. Certo è che, almeno a partire da un trentennio a questa parte, il definitivo avvento dell’informatica in ogni processo economico, produttivo e di lavoro, e la globalizzazione dei mercati stanno disintegrando gli equilibri del passato, rendono assolutamente precario e instabile il presente, fanno apparire molto incerto il futuro, generano forme più subdole di diseguaglianze e di sfruttamento. L’uomo teledipendente e internettizzato non ha più gli schemi mentali di quanti lo hanno preceduto appena mezzo secolo fa. La famiglia e le rigide regole sociali dei nostri avi sono alla spasmodica ricerca di altri assetti. La produzione e i mercati viaggiano su nuove lunghezze d’onda. Ma proprio in una fase in cui tutto sembra essere messo in discussione, la piena riscoperta delle radici, delle tradizioni, dell’anima e del dna dei popoli e dei territori, e quindi del “local genius”, può offrirci le risposte che cerchiamo.

 

Il mondo globale, delle metropoli tutte uguali, delle tentacolari multinazionali del cibo e della moda, riscopre ogni giorno di più le identità, le unicità, le tipicità, le cose sane, vere e originali. Dall’agroalimentare all’enogastronomia, dalla moda all’artigianato il “local” è e sarà sempre di più ricercato e apprezzato. Gli stessi stili di vita a misura d’uomo, come quelli che caratterizzano ancora, fortunatamente, molte aree dell’Europa e del Mediterraneo, verranno riscoperti e desiderati, a partire dal cibo. La filosofia “glocal”, che sintetizza il giusto equilibrio tra realtà locale e dimensione globale, è il modo corretto per affrontare le emergenze che ci stanno consumando: disoccupazione e sottoccupazione, disorientamento, disarmonia, spreco di risorse, nuove povertà. L’economia “local” è sostenibile e verde, rispetta l’uomo e i suoi diritti inalienabili. “Local Genius” darà il proprio contributo, realizzando magazine da meditare e conservare, nonché un giornale online ricco di sollecitazioni. Inoltre, un contatto continuo e costante con il popolo dei social network, con pagine Facebook e Twitter aggiornate quotidianamente. E poi un obiettivo primario: selezionare nella marea di informazioni che ci investono, troppo spesso inutilmente, solo quelle che meritano di avere risalto. Uomini, donne e aziende impegnati in progetti seri saranno i nostri compagni di viaggio.


Local Genius, giornale delle identità territoriali, ha una linea editoriale volta alla massima valorizzazione e promozione del genius loci, dell'anima e del dna delle tante realtà di un'Italia e di un'Europa che sono ricche di culture, di storia, di tradizioni, di personalità che nella scienza, nell'arte, nella letteratura, ma anche nell'economia, nell'impresa e nella società hanno lasciato un segno indelebile nella lunga parabola delle vicende umane. Così facendo Local Genius indica anche un modello di sviluppo possibile e sostenibile, concreto e immediatamente utilizzabile, invitando tutti a concentrarsi sugli immensi "giacimenti petroliferi" di cui disponiamo, proprio a partire dall'agroalimentare, dall'enogastronomia, dall'artigianato artistico e di qualità, dai tanti genius loci che sono vivi e operano nei più diversi contesti, primi fra tutti la ricerca, il mondo degli studi, le aziende, il lavoro. Ecco perché si dà spazio anche a notizie spesso ingiustamente sottovalutate o relegate in quarta fila, per dimostrare che accanto all'Italia devastata, in crisi, disarmata, depressa, mal governata e mal amministrata che ci viene descritta, in linea di massima, dal sistema globale della comunicazione, ce n'è un'altra che, al contrario, nei limiti dei propri mezzi e potenzialità, lavora con impegno e dedizione, con passione, con amore per quello che fa. In tal senso Local Genius sostiene anche un modo diverso di intendere l'informazione, tutto rivolto a offrire spazi di comunicazione agli esempi positivi che lo meritano in quanto tali, ma che diventanto anche utili sul piano pedagogico, perché indicano strade e percorsi possibili, perché spiegano alle nuove generazioni che si può e si deve vivere credendo in qualcosa. Ci chiediamo perché buona parte della comunicazione globale debba continuare a soffermarsi, in maniera troppo insistente, su tanti episodi o individui che non meriterebbero tutta questa attenzione. Local Genius non è guidata, in tale analisi, da intenti moralistici, ma solo dalla constatazione lucida che, per tutta una serie di ragioni che in questo momento sarebbe complesso sintetizzare, il sistema dell'informazione non è concentrato, come dovrebbe, sulla società più vera e reale, ma su fatti, modelli ed esempi che, per quanto numerosi, non rappresentano per fortuna la vera faccia di un Paese ancora molto laborioso, serio, impegnato e ricco, nella diversità, di valori profondi.


Quanto diciamo per l'Italia vale per quasi tutte le regioni di un'Europa che non merita di essere governata dai ragionierismi o dagli opportunismi di alte burocrazie che hanno perso il contatto con la realtà, che dimostrano di ignorare la storia, che rispondono a logiche destinate a estirpare quelle radici che noi, al contrario, intendiamo preservare e porre a base dei nostri assetti economici e sociali.