Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Natale e Capodanno, Cia: gli Italiani stapperanno 160 milioni di bottiglie per i brindisi (697 milioni)


Con le feste alle porte comincia il “periodo d’oro” dello spumante e del vino “made in Italy”, anche se quest’anno la crisi non risparmia neppure il brindisi. Tra Natale, Capodanno ed Epifania, infatti, verranno stappate circa 162 milioni di bottiglie, con un calo dell’1,8 per cento rispetto al 2011. In ogni caso ancora una volta le bollicine nazionali - prosegue la nota ufficiale - stravincono sullo champagne, con quasi 93 milioni di tappi “nostrani” pronti a saltare in aria durante le prossime festività. Anche i vini italiani stravincono sulle tavole natalizie, con poco meno di 70 milioni di rossi e bianchi acquistati per accompagnare i piatti della migliore tradizione culinaria. Lo afferma la Cia, Confederazione italiana agricoltori, in una nota stampa diramta il 14 dicembre 2012, in base alle rilevazioni compiute sulle intenzioni d’acquisto degli italiani.


Oltre a prestare più attenzione alle quantità per evitare sprechi e spese superflue - sottolinea la Cia nella nota che riportiamo integralmente - quest’anno le famiglie stanno anche molto più attente al prezzo. Complici il potere d’acquisto ai minimi, le tredicesime quasi tutte impegnate sulle scadenze fiscali di fine 2012 ma anche gli aumenti dei listini al consumo di prosecco e rosso (in media tra il +1 e il +2 per cento), si accorcia ancora il budget per le bevande e ci si orienta verso etichette più economiche. Nel dettaglio, per una bottiglia di spumante si spenderanno mediamente tra i 5 e i 10 euro, mentre per il vino sarà privilegiata la fascia compresa tra i 3 e i 7 euro. Con una spesa complessiva che è stimata intorno ai 697 milioni di euro per le “bollicine” e ai 345 milioni di euro per il vino.
In particolare - continua la Cia - per quanto riguarda lo spumante, ben il 68 per cento delle bollicine verrà stappato a casa in famiglia, contro il 32 per cento in locali e veglioni. E a prevalere nei gusti degli italiani sarà lo spumante dolce (59 per cento delle preferenze), seguito da quelli secchi e “brut” (36 per cento). Lo champagne raccoglie solo il 5 per cento delle preferenze: vuol dire che solamente un italiano su venti sceglie il “made in France” invece delle bollicine tricolori. Bollicine che, proprio nel periodo compreso tra Natale e la Befana, hanno il loro picco record: infatti, ben il 70 per cento degli acquisti di spumante avviene nei 25 giorni compresi tra il 10 dicembre e il 6 gennaio. Quanto al vino, anche quest’anno i rossi prevarranno sui bianchi, con un rapporto di 4 su 5. La scelta degli italiani cadrà soprattutto sulle produzioni etichettate, ma con un buon rapporto qualità-prezzo (74 per cento), senza esagerazioni e lussi. Ma il vino “vince” nelle feste anche come regalo per amici e parenti - conclude la Cia -. Nell’85 per cento dei “pacchi-dono” c’è infatti una o più bottiglie di vino a denominazione d’origine.




Local Genius
www.localgenius.eu
16 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook