Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius taranta wine Dotro libro briganti Rubino Rubino Monardo sponsor vini passiti jonio reggino Integra antonio-jerocades Istituto Agrario Catanzaro magazine-localgenius Video Calabria Fruit banner DOP JGP Vinitaly 2014 Vinitaly web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Olio extravergine biologico: una esperienza positiva con il lavoro della Gabro

Il meeting aziendale 2011 tenuto a Lauropoli, frazione di Cassano allo Jonio, in provincia di Cosenza. Grande attenzione per le esportazioni

Foto di gruppo scattata durante il meeting 2011 del Grubbo...

Foto di gruppo scattata durante il meeting 2011 del Grubbo Brogna, a Lauropoli. Il secondo da sinistra è Mario Brogna, agronomo

Anche in Calabria la filosofia e la cultura del biologico prendono piede. Non si raggiungono i livelli d’interesse del Centro e del Nord Europa, ma il settore è in movimento. Questa attenzione per l’alimentazione equilibrata, sana e naturale, per una dieta meno esposta all’uso di sostanze di derivazione chimica e comunque concepita in maniera più connessa al corretto equilibrio tra uomo e ambiente, interessa senz’altro i consumatori della nostra regione, ma registra anche una convinta adesione da parte di aziende molto lungimiranti. In Calabria esistono, peraltro ormai da diversi anni, produttori agroalimentari che hanno accettato appieno la sfida del biologico, soprattutto nel settore dell’olio extravergine di oliva. Non poteva essere altrimenti, del resto, in una terra che garantisce quasi il trenta per cento della produzione nazionale di oro verde. L’olio extravergine di oliva è un alimento ricco, completo, dalle straordinarie caratteristiche organolettiche, nutrizionali e salutistiche. E’ davvero raro, se non addirittura impossibile, a meno di trovarsi di fronte a patologie specifiche, che medici e nutrizionisti non si trovino d’accordo nel consigliare, per l’alimentazione quotidiana, l’olio extravergine di oliva. Siamo di fronte, quindi, a un prodotto tipicamente mediterraneo che ha superato gradualmente i confini dell’antico mare dei Greci e dei Romani, per trovare convinti estimatori nel Nord Europa, e in particolar modo in Germania e nei Paesi Scandinavi, oltre che negli altri Continenti.

 

Nei mesi scorsi abbiamo partecipato a Lauropoli, frazione di Cassano allo Ionio, in provincia di Cosenza, all’ormai tradizionale meeting organizzato dall’Oleificio Gabro del Gruppo Brogna. Un’interessante e solida realtà della Sibaritide che, grazie a molto impegno e dedizione, ha anche avuto la capacità di conquistare significativi spazi di mercato all’estero. L’impianto produttivo della Gabro è razionale, moderno ed efficiente, ed ha ospitato una due giorni davvero intensa fatta di incontri in azienda, di dibattiti e confronti diretti sul prodotto e, perché no, di momenti conviviali ed enogastronomici che hanno lo scopo di rinsaldare rapporti umani e di lavoro basati sulla reciproca stima e sulla fiducia. Mario Brogna, agronomo ed esperto olivicolo, ha svolto la relazione introduttiva in un convegno che ha fatto il punto, davanti ad un uditorio molto attento, sulle prospettive dell’olio extravergine di oliva biologico e, più in genere, della cultura “bio”. Tra i partecipanti, oltre allo stesso Brogna, primari distributori o importatori del Centro-Nord Italia e di diversi Paesi europei (Mauro Beverari, Fernando Favilli, Matteo Lapiana, Veronique D’avì…), esponenti politici e delle istituzioni, dirigenti delle organizzazioni di categoria (Confindustria, Confagricoltura…), produttori dalle notevoli capacità comunicative quali donna Cesira Santagata. I lavori sono stati moderati da Massimo Tigani Sava. Dal confronto, e lo diciamo senza alcuna voglia di enfatizzare, è emersa la grande considerazione che primari operatori del settore olivicolo hanno per la Gabro, indicata quale punto di riferimento in termini di serietà e di qualità. La Calabria è certo un’area vocata per l’olivicoltura d’eccellenza, ma è anche corretto dire che analoghe condizioni si possono riscontrare in diverse altre regioni d’Italia e di tutto il bacino del Mediterraneo. Primeggiare, quindi, non è semplice, né è scontato confermare fatturati e ordini su mercati sempre di più esigenti e pronti a confrontarsi con un vasto panorama di fornitori. Tutti gli intervenuti hanno manifestato sentimenti di rispetto per il lavoro dei fratelli Brogna. Durante molto fiere internazionali (dall’Anuga di Colonia al Sial di Parigi, da Tutto Food Milano al Cibus di Parma…) abbiamo puntualmente incontrato Mario Brogna con il quale è sempre un piacere scambiare informazioni sull’evoluzione del mercato dell’olio extravergine di oliva nel mondo, con particolare riferimento al biologico.

 

Assieme a Giuliano Sindona, giovane manager della Gabro, abbiamo raccolto i dati salienti della produzione di una delle principali realtà olivicole della Sibaritide. La scelta del biologico è ormai predominante (circa il 60% del totale prodotto). Gli uliveti, siano essi di proprietà o di altri produttori che conferiscono le loro olive, sono in gran parte ubicati nel territorio di Cassano allo Ionio, ad un’altitudine compresa tra i 200 e i 400 metri. Le cultivar principali sono la Grossa di Cassano e la Roggianella (o Tondina), entrambe dal carattere forte, e poi le Frantoio, Carolea e Leccino, che nei diversi blend conferiscono armonia e sentori molto particolari. A proposito dell’uso di cultivar autoctone, o comunque assai diffuse, vogliamo ricordare che la Calabria, dallo Stretto di Messina al Pollino, offre un ventaglio di proposte davvero straordinario. Siamo una terra ricca di specie olivicole pregiate e, peraltro, le antichissime tradizioni produttive così come le tecniche di coltivazione e lavorazione, fanno sì che ogni produttore abbia puntato su originali blend o monocultivar, o comunque su formule molto soggettive e dalla forte identità. Le miscele più pregiate della Gabro hanno ottenuto risultati ragguardevoli. Il 70% circa della produzione è assorbito dall’esportazione, con punte massime in Svezia, Danimarca, Germania, Giappone.

 

Abbiamo vissuto direttamente il meeting della Gabro, nella convinzione, peraltro, che proprio per valorizzare e promuovere appieno il sistema agroalimentare, in Calabria sia anche giunto il momento di non affidarsi ad una comunicazione troppo spesso frettolosa e sbrigativa, e nel peggiore dei casi anche superficiale. Una sistema di comunicazione qualificato e professionale può rappresentare, infatti, il vero valore aggiunto per un mondo che deve ancora esprimere tutto il proprio immenso potenziale. Lo spirito che ha pervaso l’intera manifestazione, sia da parte dei numerosi ospiti italiani ed esteri sia dei volitivi organizzatori, merita di diventare di dominio pubblico e quindi di essere comunicato all’esterno. La Calabria può proporre e vendere al mondo, a partire dalle eccellenze agroalimentari, la propria “anima” e il proprio genio, il proprio inconfondibile stile di vita frutto di millenni di storia. Se non sapremo farlo, la nostra competizione sui mercati globali sarà affidata solo alle leggi del denaro, del prezzo, della speculazione. Ma su questo piano siamo destinati inesorabilmente a perdere. La Gabro e i fratelli Brogna ci hanno offerto un esempio positivo e da imitare. (p.a.)




Local Genius
www.localgenius.eu
25 luglio 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook