Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Opere di Difesa Veneziane tra il XVI ed il XVII secolo, ora Patrimonio Unesco!

Zaia: la forza, le gesta, la sapienza, la bellezza della Serenissima non hanno tempo, è una storia che non conosce la parola fine, il fascino di un’eredità incommensurabile

Il Canal Grande fotografato dal Ponte di Rialto. Venezia è...

Il Canal Grande fotografato dal Ponte di Rialto. Venezia è una delle principali mete turistiche al mondo (foto Local Genius)

“La forza, le gesta, la sapienza, la bellezza della Serenissima non hanno tempo: è una storia che non conosce la parola fine, il fascino di un’eredità incommensurabile i cui segni sono presenti entro e fuori i confini del Veneto, entro e fuori i confini dell’Italia. Con questo riconoscimento si afferma che oltre a Venezia sono patrimonio dell’umanità anche le emozionanti vestigia di cui ha disseminato lo Stato da Mar e lo Stato da Tera e non di meno quella ricchezza immateriale prodotta nei secoli dalla Repubblica Veneta, fatta di democrazia, buongoverno, attenta gestione dei suoi territori”. Commenta così, con grande soddisfazione, il Governatore del Veneto, l’inclusione nella lista Unesco del patrimonio dell’Umanità delle Opere di Difesa Veneziane tra il XVI ed il XVII secolo, decisa dalla sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale, a Cracovia. Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata il 9 luglio 2017 dalla Regione Veneto, e che riportiamo integralmente.
 
“Esprimo le mie congratulazioni alla città e alla comunità di Peschiera del Garda – prosegue il Governatore –, con l’augurio che da questo riconoscimento possano trarre un’ulteriore slancio in termini di promozione, valorizzazione e tutela dei loro tesori culturali e storici. Ma mi felicito per la loro “venezianità” anche con Bergamo e Palmanova, con le città croate di Zara e Sebenico e con la montenegrina Cattaro”. “Speriamo che questa decisione del Comitato sia di buon auspicio anche per la candidatura a Patrimonio Unesco delle colline di Conegliano e Valdobbiadene – sottolinea il Governatore –, una candidatura sino a qui approvata e sostenuta ai massimi livelli, attraverso un ottimo lavoro di squadra che ha visto impegnati in primis i ministri Franceschini e Martina, ma che è frutto anche della capacità del Veneto di aver saputo costituire un comitato scientifico di indiscutibile livello e coinvolgere proficuamente i sindaci dei Comuni interessati, appartenenti a un territorio che conserva anch’esso diligentemente i lasciti culturali e storici della Serenissima”. 




Local Genius
www.localgenius.eu
10 luglio 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook