Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Pacchetto qualità Ue, il Consorzio del Parmigiano Reggiano: lotta più facile contro le imitazioni abusive


“Finalmente si è compiuto l’ultimo passo per un deciso rafforzamento del sistema di tutela europeo per il Parmigiano-Reggiano (la Dop europea più imitata nel mondo) e per tante altre eccellenze agroalimentari italiane: un percorso lungo, che ci ha impegnato per anni, e di cui oggi cogliamo con grande soddisfazione gli esiti”. Giuseppe Alai, presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, commenta così, in una nota stampa diffusa il 13 settembre 2012 sul sito ufficiale, l’approvazione da parte del Parlamento Europeo riunito in seduta plenaria, del “Pacchetto qualità” relativo ai prodotti agricoli Dop, Igp e Stg. Il primo elemento che rende piena la soddisfazione del Consorzio del Parmigiano-Reggiano – prosegue la nota stampa che pubblichiamo qui di seguito integralmente - è legato proprio a quella tutela “ex-officio” che impegna gli Stati membri della UE a monitorare e a far rispettare nei propri territori le denominazioni protette provenienti da altri Paesi.


“Un passo in avanti decisivo - spiega Alai - per un sistema di protezione non più basato solo sul lavoro degli enti di tutela a contrasto di contraffazioni e frodi, ma fondato su un obbligo di intervento degli stessi Stati in una logica di reciprocità e, perciò, di vera Comunità Europea”. “In questi anni – prosegue il presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano siamo intervenuti decine di volte per stroncare l’uso improprio del termine “parmesan” e di tante altre denominazioni evocative del nostro marchio, di cui già avevamo ottenuto l’interdizione da parte della Corte di Giustizia; oggi questa vigilanza e tutte le azioni di contrasto si semplificano enormemente, e il dato più rilevante è il fatto che finalmente si sancisce un principio di corresponsabilità e di collaborazione tra Stati che tutela produttori e consumatori”. La strada per l’approvazione del “pacchetto qualità” era stata spianata nel giugno 2011 dalla Commissione Agricoltura presieduta dall’on. Paolo De Castro, che tre mesi più tardi, in un convegno a Reggio Emilia, aveva lanciato dure parole: “Senza l’adozione delle riforme che riguardano la gestione dei volumi produttivi e le norme di tutela della qualità – disse De Castro – in Parlamento non approveremo nessun pacchetto che ci venga proposto”.“Proprio all’on. De Castro, alla sua tenacia, all’impegno degli on. Herbert Dorfmann e Giancarlo Scottà, membri della Commissione Agricoltura e fautori del progetto, unito a quello della relatrice Iratxe García Pérez – afferma Alai nella nota stampa ufficiale del Consorzio del Parmigiano-Reggiano – va il nostro particolare ringraziamento”. Ma la soddisfazione del Consorzio non si ferma qui. “Il Pacchetto qualità – spiega il presidente – riconosce in termini mai così espliciti il ruolo dei Consorzi di tutela anche in materia di valorizzazione del prodotto, riconoscendo così la validità delle azioni promosse sul piano della tutela dei redditi dei produttori. Contemporaneamente (e anche questo rappresenta un passaggio fondamentale per tante aree del nostro Paese e ampie zone di produzione del Parmigiano-Reggiano) definisce le menzioni di qualità facoltative, aprendo nuove strade di valorizzazione, ad esempio, per il prodotto di montagna, fissando i criteri in base ai quali l’uso di questa menzione sarà possibile, scongiurando così il rischio di abusi”.




Local Genius
www.localgenius.eu
14 settembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook