Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Parlamento Ue: cancellate le eccezioni al divieto europeo di spinnamento degli squali (finning)


I deputati europei hanno cancellato nella votazione di giovedì 22 novembre 2012 - si legge in una nota stampa ufficiale diramata dal Parlamento Ue il 22 novembre 2012 - le eccezioni al divieto europeo di spinnamento degli squali. Queste eccezioni - prosegue la nota ufficiale che riportiamo nella sua versione integrale - impedivano ai pescatori di gettare le carcasse spinnate in mare, ma allo stesso tempo rendevano facile nascondere eventuali infrazioni, perché permettevano di sbarcare le pinne e le carcasse in porti diversi. Il divieto, attivo dal 2003, proibisce di spinnare gli squali a bordo dei pescherecci. La votazione di giovedì cancella le eccezioni, cioè i permessi speciali per tagliare le pinne in mare. Gli squali devono quindi essere sbarcati con le loro pinne "naturalmente attaccate al corpo". La risoluzione è stata approvata con 566 voti a favore, 47 contro e 16 astensioni. I permessi speciali - prosegue la nota stampa che citiamo testualmente - sospendevano il divieto in modo da permettere lo spinnamento su quei pescherecci "che hanno dimostrato la propria capacità di utilizzare tutte le parti dello squalo". Comunque, dopo il processo, le pinne e le carcasse potevano essere sbarcate in porti differenti, rendendo difficile il conteggio preciso e quindi la possibilità di trovare chi violava il divieto gettando gli squali spinnati in mare. La relatrice Maria do Céu Patrão Neves (PPE, PT) ha tentato di mantenere le eccezioni, diminuendone comunque il raggio d'azione, in modo da permettere solo ai pescherecci congelatori di spinnare gli squali in mare, con l'obbligo di sbarcare le pinne e i corpi degli squali nello stesso porto. Molte specie di squali sono esposte a uno sfruttamento esagerato. Negli ultimi anni, alcune specie - conclude la nota stampa - sono state eccessivamente pescate e ora sono a rischio a causa dell'incremento drammatico della richiesta di prodotti derivati, soprattutto le pinne. Al momento, il maggior numero di permessi per lo spinnamento è stato fornito ai pescherecci spagnoli e portoghesi.


Fin qui il comunicato stampa ufficiale del Parlamento Europeo. Local Genius ricorda che milioni e milioni di squali vengono pescati e uccisi ogni anno per prelevarne soltanto le pinne. Le stesse pinne sono alla base di zuppe tradizionali particolarmente gradite nei Paesi asiatici, come la Cina. La pratica dello spinnamento, nota a livello internazionale come finning, è anche abbastanza cruenta e spesso capita che l'animale mutilato e rigettato in acqua sia ancora vivo. Le sole pinne rappresentano circa il 2% dell'intero squalo o pescecane catturato. Il loro prezzo sui mercati asiatici può arrivare a diverse centinaia di euro al chilo.




Local Genius
www.localgenius.eu
25 novembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook