Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Pomodori dal Marocco, Coldiretti lancia allarme: lì è consentito l’uso di antiparassitari vietati agli agricoltori della Ue


"Il mancato rispetto delle clausole dell’accordo stipulato tra Unione europea e Marocco ha provocato l’invasione di pomodoro proveniente dal paese africano dove è consentito l’uso di antiparassitari vietati nell’Unione europea che espongono i consumatori italiani a rischi sanitari e fanno concorrenza sleale alle produzioni nostrane". E’ quanto afferma la Coldiretti nazionale, in una nota stampa ufficiale diramata il 29 novembre 2012, nel segnalare che, "a causa dell'entrata in vigore il primo di ottobre dell'accordo tra Marocco e Unione Europea, i prezzi riconosciuti ai coltivatori italiani sono crollati su livelli che rischiano di far sparire la produzione di pomodori Made in Italy". "Il Marocco – sottolinea la Coldiretti nella nota stampa ufficiale che riportiamo integralmente - può permettersi questi bassi prezzi per i minori costi di produzione, relativi alla manodopera, ma anche alla difesa antiparassitaria che può contare su decine di principi attivi non più utilizzabili dai produttori comunitari, come era stato denunciato da Coldiretti già all’epoca della stipula dell’accordo. Basti pensare al famigerato bromuro di metile, bandito dall’Ue perché dannoso nei confronti dell’ambiente, che i produttori marocchini possono continuare ad utilizzare, determinando un ulteriore svantaggio per le produzioni comunitarie". "Il tutto – continua la Coldiretti - con buona pace dell’etica, della coerenza e della reciprocità delle regole produttive che dovrebbero guidare l’Ue quando stipula accordi di questo tipo". "Dalla fine di ottobre – conclude la Coldiretti - si è registrato un calo costante dei prezzi dei pomodori provenienti dal Marocco, che ha raggiunto i 36 euro per 100 chili il 6 novembre, nonostante il prezzo di entrata concordato con il Marocco sia di 46.1 euro per 100 chili".




Local Genius
www.localgenius.eu
30 novembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook