Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Proposta di legge in materia di qualità e trasparenza della filiera degli oli d’oliva: Coldiretti dice no allo stop dell’iter


“E’ con grande preoccupazione che prendiamo atto del temporaneo arresto, da parte del Governo, dell’iter della proposta di legge in materia di qualità e trasparenza della filiera degli oli d’oliva vergini. Il provvedimento, già approvato dal Senato, all’unanimità, con il parere positivo del Governo, e condiviso alla Camera da tutti i partiti, da tutti i gruppi parlamentari e da tutte le commissioni interessate, rischia ora di non tradursi definitivamente in legge”. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti nazionale, Sergio Marini, in riferimento all’ imprevisto stop imposto al disegno di legge “salva olio” prima dell’ultimo passaggio in sede legislativa in Commissione Agricoltura della Camera. Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata da Coldiretti nazionale il 14 dicembre 2012, e che riportiamo integralmente. "La legge – rileva la Coldiretti - rappresenta uno straordinario strumento per rafforzare il contrasto  alle attività criminali che nel settore olivicolo costituiscono ormai  una piaga economica e sociale intollerabile, sia per i consumatori che per gli oltre un milione e duecentomila  olivicoltori italiani". "Ci sembra utile ricordare che i previsti provvedimenti di contrasto alle illegalità – ricorda la Coldiretti – risultano del resto essere stati espressamente richiesti dal Procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso nella seduta del 23 luglio 2011 della Commissione parlamentare d’inchiesta sui fenomeni della contraffazione e della pirateria in campo commerciale, dopo una dettagliata critica dei difetti di coordinamento e una approfondita analisi delle lacune dell’attuale disciplina di contrasto ai fenomeni delle cosiddette agromafie". “Il nostro auspicio – conclude il presidente Marini – è che si comprenda che con un “inspiegabile voltafaccia” del Governo al testo di legge ci si assumerebbe di fatto la responsabilità di  contribuire alla permanenza di una diffusa situazione di illegalità con risvolti sociali ed economici inaccettabili”.




Local Genius
www.localgenius.eu
16 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook