Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Provincia di Reggio Calabria: gli auguri del presidente Giuseppe Raffa per il Nuovo Anno


L'ufficio stampa della Presidenza della Provincia di Reggio Calabria ha trasmesso, il 29 dicembre 2012, il testo degli auguri per il 2913 formulati dal presidente Giuseppe Raffa. Eccone la versione integrale: “Un nuovo anno si affaccia sul nostro incerto orizzonte dopo che il 2012 ha prodotto profonde ferite e gravi lacerazioni nel  tessuto socio – economico  del pianeta e, in particolare, nelle aree deboli come la provincia di Reggio Calabria. Tutti noi, dai cittadini agli amministratori, abbiamo stretto i denti e siamo riusciti a superare parte delle drammatiche priorità che caratterizzano in negativo il territorio. Il sentimento di speranza ci ha accompagnato  nell’anno appena passato alla  storia. Un percorso  affrontato con  caparbietà e con la consapevolezza  che solo lavorando nell’interesse dei cittadini sia possibile  preparare un futuro meno incerto. Partiamo da questa consapevolezza per formulare l’augurio di un buon 2013 a tutti i reggini, assicurando  un maggiore impegno, soprattutto, nei confronti della fasce più deboli del territorio:  dei disoccupati, di  quanti corrono il rischio di essere espulsi dal precario sistema produttivo, delle famiglie che, lo scorso anno, sono state costrette a rinunce e grossi sacrifici. Nei nostri propositi c’è anche la volontà di rimanere al fianco di quanti continuano ad essere impegnati in conflitti sociali, delle piccole realtà produttive, del mondo dell’associazionismo, del volontariato, del pianeta scuola, della formazione professionale, del settore turistico, dei sindaci con i quali ripetere l’esperienza sinergica che ha caratterizzato, nell’ultimo anno, la politica dell’Amministrazione provinciale. Molte cose le abbiamo fatte, altre sono state avviate, parecchi i nostri progetti di ingegneria sociale nel settore della viabilità, dell’edilizia scolastica, della difesa delle coste e per bloccare il dissesto idrogeologico. Resta molto da fare, ma guai ad affrontare la realtà in ordine sparso e senza sinergie istituzionali e collaborazione  con i cittadini: sarebbe come annunciare un disastro sociale dal quale, poi, potrebbe essere  difficile ripartire. Davanti al nostro cammino c’è anche l’ostacolo dell’antistato, dell’illegalità diffusa, delle organizzazioni criminali, della corruzione. Anche su questo fronte, assieme alle Forze dell’Ordine e alla Magistratura, non mancherà il nostro impegno istituzionale e personale. Le  difficoltà socio – economiche sono tante, ma non dobbiamo farci avvolgere dall’alone della sfiducia:  per non smarrirsi è importante  che il nostro agire politico – amministrativo sia condiviso dai cittadini, in particolare dalle fasce deboli. Nell’anno che ci apprestiamo a vivere non mancherà la fattiva e leale collaborazione con il prefetto Vittorio Piscitelli, il quale, nei momenti più difficili del 2012 ci è stato vicino con suggerimenti e indirizzi che hanno reso più dinamica e responsabile l’attività amministrativa della Provincia. Un pensiero  anche agli immigrati che operano nel settore agricolo e bracciantile in genere, verso i quali proseguirà il nostro impegno per rendere meno dure le loro condizioni di vita e di lavoro. Accanto alla Chiesa vogliamo aiutare gli ultimi a recuperare la speranza perché lo sviluppo del territorio necessita della collaborazione di tutti. Ogni segmento sociale è una risorsa: spetta alla classe dirigente, attraverso progetti di sviluppo e di coesione, inserirla nel contesto produttivo delle singole comunità”.




Local Genius
www.localgenius.eu
31 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook