Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Quale Europa? Agrinsieme: previsti 58 miliardi di tagli alle politiche agricole

Le organizzazioni agricole italiane lanciano un forte appello: a questo punto il Parlamento Ue scelga secondo coscienza e senza condizionamenti

Ortaggi al mercato, peperoni. Foto d´archivio

Ortaggi al mercato, peperoni. Foto d'archivio

"Un accordo al ribasso che prevede un calo a due cifre per le risorse agricole nei prossimi sette anni. A queste condizioni non stupisce che il Parlamento europeo sia orientato a bocciare l'accordo politico del Consiglio europeo di inizio mesi". Commenta così Agrinsieme - in una nota ufficiale diramata il 21 febbraio 2013 - la dichiarazione del presidente della Comagri Paolo De Castro sul parere che Strasburgo dovrà esprimere prossimamente sulle 'prospettive finanziarie 2014-2020'. "Mentre occorrerebbe più Europa per crescere, è la prima volta - prosegue Agrinsieme - che si prevede una riduzione del bilancio complessivo dell'Ue (meno 34 miliardi di euro in termini reali nei prossimi sette anni). Ed invece di promuovere il settore primario, priorità riconosciuta ormai a livello globale, nell'accordo politico ci sono 58 miliardi di euro in meno per la politica agricola comune". "A questo punto il Parlamento scelga secondo coscienza e senza condizionamenti", auspica in conclusione Agrinsieme. È un momento importante della storia dell'Europa - citiamo sempre testualmente dalla nota ufficiale - ed è importante che queste scelte siano fatte in co-decisione con l'apporto dell'unica istituzione comunitaria eletta direttamente dai cittadini europei. Agrinsieme è un soggetto nato da un’azione di coordinamento condivisa da Cia, Confagricoltura, Confcooperative Fedagri, Legacoop agroalimentare.


Local Genius condivide e sostiene la battaglia di Agrinsieme per il rafforzamento delle politiche agricole in ambito europeo. Un'Europa vittima di miopi calcoli nazionalistici, che peraltro più volte nella storia anche recente hanno dimostrato tutti i propri limiti, oltre che prigioniera di visioni burocratiche che nulla hanno della necessità di ampi respiri politici supportati da grandi idealità, sta diventando di fatto un problema da risolvere, piuttosto che una realtà capace di promuovere sviluppo e giustizia sociale per tutti. Local Genius ritiene che la battaglia per un'Europa più giusta e finalmente in grado di prefigurare scenari condivisi di crescita meriterebbe l'attenzione massima da parte della politica italiana, a tutti i livelli.




Local Genius
www.localgenius.eu
21 febbraio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook