Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

“Ritirare dal mercato il vino in polvere che promette etichette di prestigio”

Interrogazione di parlamentari del Pd al ministro dell’Agricoltura, Catania. Nicodemo Oliverio: si parla di circa 20 milioni di bottiglie contraffatte

Nicodemo Oliverio, parlamentare calabrese del Pd

Nicodemo Oliverio, parlamentare calabrese del Pd

“Ritirare immediatamente dal mercato le confezioni di vino in polvere ‘taroccate’, che promettono di ottenere vino italiano di qualità, ingannando i consumatori e causando un grave danno al settore,e promuovere nei tempi più brevi l’istituzione di una taske-force per contrastare, a livello internazionale, le falsificazioni  alimentari”. Questi i contenuti di una interrogazione al Ministro delle Politiche Agricole, Mario Catania, presentata da alcuni  deputati del Pd della Commissione Agricoltura della Camera, tra i quali il capogruppo Nicodemo Oliverio. E' quanto si legge in una nota stampa diramata il 10 dicembre 2012 dal parlamentare calabrese del Pd, che riportiamo qui di seguito integralmente. “Chiediamo al governo – si legge nell’interrogazione del Pd - un immediato ritiro dal mercato di queste contraffazioni che, oltre ad ingannare i consumatori ingenui o inesperti, causano danni economici consistenti all’intero settore vitivinicolo italiano, rischiando di comprometterne l’immagine e la credibilità. Un prestigio conquistato nel tempo grazie agli sforzi fatti per la valorizzazione di un prodotto che esprime qualità, tradizione, cultura e territorio. In Italia assieme alle  mozzarelle, all’olio extravergine d'oliva e ai  pomodori San Marzano il vino compete per la conquista della palma d’oro per gli  alimenti più contraffatti.  E’ quanto emerso in «Italia a tavola 2012», il IX rapporto sulla sicurezza alimentare del Movimento difesa del cittadino e Legambiente. Sono, infatti, presenti da tempo, nei mercati mondiali e nei Paesi dell'Unione europea, i cosiddetti wine kit: prodotti che promettono, con semplici polveri, di ottenere in pochi giorni vini taroccati ma dalle etichette prestigiose come Chianti, Valpolicella, Frascati, Primitivo, Gewurztraminer, Barolo, Lambrusco, Verdicchio e Montepulciano".


"Secondo le denunce di alcuni media e delle associazioni agricole italiane come la Coldiretti, questi wine kit vengono prodotti soprattutto in Canada ed in Svezia. Molte confezioni – sottolinea Nicodemo Oliverio - fanno esplicito riferimento alla produzione italiana, ad un marchio di qualità tutelato dall'Unione europea e promettono in soli cinque giorni di ottenere in casa vini tipici per i quali vengono addirittura fornite le etichette da apporre sulle bottiglie. Nonostante la Commissione Europea ne abbia vietato la commercializzazione, questi ‘wine kit’ stanno invadendo i mercati europei ed internazionali. Alcune stime di associazioni di categoria, che da tempo hanno sollevato questa problematica, parlano di un giro di affari di 20milioni di bottiglie contraffatte. Ed anche in Italia è ancora possibile acquistarli sui principali siti internet di e-commerce. Nel nostro Paese, secondo recenti indagini, ribadite dalle stime delle associazioni di categoria, il mercato complessivo della contraffazione nel settore agroalimentare supera 1,1 miliardi di euro annui. Il Made in Italy agroalimentare registra un danno medio di circa 60 miliardi di euro l'anno per colpa dell'invasione mondiale di prodotti contraffatti, mentre il Made in Europe arriva a 100 miliardi. Nel caso degli alimentari la distribuzione di prodotti contraffatti assume aspetti ancora più gravi dal momento che la vendita avviene, nella maggior parte dei casi, all'insaputa dell'acquirente. Per questo - conclude il deputato democratico – la lotta alla contraffazione dei prodotti agroalimentari è di fondamentale importanza. Per la salute dei cittadini, innanzitutto, e poi per la difesa delle eccellenze del Made in Italy e di una fetta importante della nostra economia”.




Local Genius
www.localgenius.eu
11 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook