Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Scandalo carne equina venduta come bovina, la Cia chiede alla Ue: sia completa la tracciabilità dei prodotti alimentari


"I test del Dna decisi dall’Ue rappresentano una prima risposta allo scandalo della carne equina venduta come bovina, che sta dilagando ormai in tutt’Europa, ma certo non risolvono il problema alla radice. Per evitare il ripetersi in futuro di casi di etichettatura fraudolenta sugli alimenti, l’unica soluzione è quella di favorire la completa tracciabilità dei prodotti alimentari, questione su cui Bruxelles continua a tenere tempi lunghissimi". Lo afferma la Cia, Confederazione italiana agricoltori, in una nota stampa ufficiale diramata il 14 febbraio 2013 e che riportiamo integralmente. "Solo con misure come l’etichettatura d’origine obbligatoria su tutti gli alimenti freschi e trasformati, cominciando proprio dall’estensione dell’obbligo di provenienza per ogni tipo di carne e non più solo quella bovina - osserva la Cia - si possono realmente tutelare tutti i soggetti coinvolti: consumatori, allevatori e industria agroalimentare". "Vicende del genere, infatti, non solo danneggiano la filiera produttiva che in Italia come in Europa lavora per la qualità e la trasparenza, ma soprattutto minano la fiducia dei cittadini - conclude la Cia - per i quali la garanzia di sicurezza alimentare è il criterio al primo posto nelle scelte di consumo".




Local Genius
www.localgenius.eu
17 febbraio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook