Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Sos da Assolatte: falsi formaggi italiani spacciati nel mondo per originali

Il presidente Ambrosi: danno enorme per la nostra economia, servono nuove norme internazionali

Un Pecorino Toscano Dop esposto nel corso dell´ultima...

Un Pecorino Toscano Dop esposto nel corso dell'ultima edizione di Cibus, a Parma

“La capacità tutta italiana di trasformare le materie prime agricole in latticini di grande qualità è ammirata in tutto il mondo. Ma, come ricorda Assolatte, alimenta anche un mercato delle imitazioni che vale globalmente circa 60 miliardi di euro. Per combatterlo l'industria lattiero-casearia italiana chiede nuove regole”. E’ quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata da Assolatte il 22 novembre 2012, e che qui di seguito riportiamo integralmente, considerata peraltro la valenza strategica dell’argomento trattato. Parmesan, Mozarela Pulcinela, Grana Parrano, Cambozola o Real Asiago Cheese: nomi di formaggi che suonano strani e ci fanno sorridere. Eppure basta viaggiare in un qualunque paese straniero (soprattutto al di fuori dell'Europa) – sostiene Assolatte nella nota ufficiale - per trovarli esposti nei supermercati come se fossero vere e proprie eccellenze del Made in Italy, anche se di italiano non hanno in realtà proprio nulla. Così questi formaggi, che vengono spacciati come italiani riempiono gli scaffali della distribuzione straniera e tolgono spazio ai prodotti fatti in Italia dalle aziende italiane, creando un danno enorme per l’industria lattiero casearia italiana. “Secondo le nostre stime, nel settore caseario l’italian sounding rappresenta un ingente fenomeno di concorrenza sleale nei confronti dei formaggi realmente prodotti in Italia” ha spiegato il presidente di Assolatte, Giuseppe Ambrosi, intervenendo all’incontro "Contraffazione. Non tutto quel che compri è ciò che credi", organizzato il 22 novembre a Roma dall’Unione Nazionale Consumatori. "Dovremmo essere quasi orgogliosi di questa moda deplorevole: infatti, se all’estero ci imitano - ha aggiunto Ambrosi - vuol dire che ci ammirano, che riconoscono ai nostri prodotti una qualità superiore e alla nostra industria una straordinaria capacità di trasformare le materie prime agricole in prodotti di eccellenza". “In realtà non siamo per nulla orgogliosi di questa situazione – ha spiegato Ambrosi – e investiamo milioni di euro ogni anno per spiegare le differenze di qualità tra il vero made in Italy e quello falso, tra i prodotti fatti in Italia secondo le ricette tradizionali e quelli che li scimmiottano”. Ma l'impegno e gli investimenti delle aziende da soli non bastano: servono nuove e più rigorose norme internazionali. "Da un lato dobbiamo andare avanti, promuovendo sempre meglio i nostri prodotti, e dall'altro la politica deve fare la propria parte. Non servono proclami, ma una paziente attività di mediazione, che porti a fare le regole che mancano, per salvaguardare la nostra cultura, la nostra tradizione, le nostre aziende", ha concluso il presidente di Assolatte.




Local Genius
www.localgenius.eu
23 novembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook