Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Sos dal settore edile: urge invertire la rotta, la situazione è drammatica!

Preoccupata riflessione del presidente di Ance Catanzaro, Alessandro Caruso: affrontare l’emergenza con armi adeguate. Basta con le norme inique!

Alessandro Caruso, presidente di Ance Catanzaro

Alessandro Caruso, presidente di Ance Catanzaro

"Sono dati sempre più allarmanti quelli analizzati dall’Ance a inizio 2013. L’emorragia di posti lavoro non si arresta ed è ormai arrivata a colpire anche le strutture imprenditoriali più solide. L’assenza dei pagamenti da parte della P.A., la restrizione del credito oltre alla cronica, ormai, mancanza di lavoro stanno riducendo allo stremo un settore da sempre trainante per l’economia del territorio. Il periodo che stiamo attraversando sta sconvolgendo il nostro tessuto sociale ed economico - dichiara Alessandro Caruso, Presidente di Ance della Provincia di Catanzaro -. Una situazione che rischia di peggiorare ulteriormente nei prossimi mesi se non si metteranno subito in campo interventi utili ad arrestare il declino. Tutto questo accade senza un’adeguata consapevolezza della classe politica e della P.A. che, viceversa, continuano ad introdurre ulteriori provvedimenti che hanno il solo effetto di accrescere le difficoltà operative  e finanziarie delle imprese. Bisogna invertire la rotta". E' quanto si legge in una nota stampa diramata da Confindustria Catanzaro, a firma del direttore generale Dario Lamanna, il 25 gennaio 2013. "A tal proposito, apprendiamo positivamente - prosegue la nota stampa ufficiale - piccoli segnali di potenziale ripresa quali, ad esempio, le somme, per complessivi 1,92 milioni di euro, che sono state destinate dalla Regione Calabria all’Amministrazione Provinciale di Catanzaro per una serie di interventi infrastrutturali urgenti per il ripristino di tratti stradali danneggiati da fenomeni alluvionali e per la manutenzione di corsi d’acqua ed il finanziamento, nell’ambito del Piano Città, del progetto presentato dal Comune di Lamezia Terme, dal titolo SA.R.A. (Savutano, Rigenerazione, Animazione), per 30 mil. di euro. Ma non basta. Occorre, infatti, che tali risorse possano tradursi nel più breve tempo possibile in bandi di gara ed in cantieri".


"Il sostegno che immaginiamo consiste, inoltre - insiste Caruso - in misure che sappiano cambiare le drammatiche tendenze in atto e creare le condizioni affinché le costruzioni tornino ad essere volano di sviluppo. Sarà necessario, quindi, sin da subito riprendere il positivo dialogo con l’amministrazione del capoluogo, con cui avevamo instaurato un’ottima interlocuzione; la città di Catanzaro avrà, finalmente, un governo, auguriamo, stabile e duraturo, per evitare la perdita di finanziamenti (PISU – Porto - Metropolitana), per condividere scelte strategiche che possano comportare nuovi investimenti (depuratori, scuole, parcheggi) ed il rinnovarsi di una forte azione di difesa della nostra provincia, anche al fine di impedire la forte ed esasperata egemonia di territori limitrofi. Stiamo spingendo - continua Caruso - affinchè Ance nazionale possa impegnare i candidati premier a condividere un documento con le principali misure da adottare subito per risollevare l’economia: investimenti mirati, riduzione del costo del lavoro, pagamento delle imprese, riattivazione del circuito del credito, nuovo patto di stabilità, revisione della tassazione degli immobili (la casa è il bene più tassato d’Italia!!!), apertura del mercato, più semplificazioni ed avvio di un programma di investimenti per la rigenerazione urbana e la messa in sicurezza degli edifici".


"Bisogna affrontare l’emergenza con armi adeguate e con la consapevolezza - conclude Caruso - che cittadini e imprese hanno assoluto e urgente bisogno di essere sostenuti e non ulteriormente vessati da norme inique. A tal fine, tutte le imprese sono inviate a contattare gli uffici dell’Associazione affinché possano essere informate nel dettaglio in merito ad importanti novità sulla presentazione della documentazione necessaria alla partecipazione a gare di appalto e sulla normativa in merito ai ritardi sui pagamenti".




Local Genius
www.localgenius.eu
25 gennaio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook