Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Teatro della Ginestra presenta Cenerentola: un viaggio fantastico, ricco di sonorità e immagini


Presso la Residenza Teatrale "Teatri Meridiani” di Cosenza, domenica 27 gennaio 2013, alle ore 18.00, Teatro della Ginestra presenta “Cenerentola”, di Dante de Rose, con Elisa Ianni Palarchio, Alessia Minutoli, Francesco Pupa, Nausica Tucci, Martina Perito, Teresa Falsetti. Gestione tecnica, Antonio Giocondo; Produzione, Renato Costabile; Coreografie, Antonella Ciappetta; Regia, Dante de Rose. E’ quanto si legge in una nota stampa ufficiale diramata il 26 gennaio 2013, e che riportiamo integralmente. “La nostra favola, raccontata tramite la danza, il teatro e il canto, si propone – spiega la nota ufficiale - di far sperimentare ai bambini un viaggio fantastico, ricco di sonorità, immagini e sensazioni che stimolano la loro fantasia facendogli vivere un’esperienza educativa di grande valore pedagogico e simbolico. La fiaba non parla in maniera diretta al bambino ma utilizza linguaggi diversi che lo coinvolgono in maniera totale e che lo spingono a partecipare attivamente al processo educativo. I diversi linguaggi della danza del teatro e del canto proprio per il loro valore simbolico ci sono sembrati adatti a realizzare il nostro progetto che vuole educare all’arte e all’immagine e ai diversi linguaggi non verbali stimolando l’immaginazione del bambino e aiutandolo a sviluppare oltre che il suo intelletto anche le sue emozioni. Il bambino con la favola si identifica con i diversi personaggi dall’eroe, al cattivo, percorrendo le varie tappe dello sviluppo della sua personalità. L’ingrediente più importante della nostra favola è la magia, la magia della danza, della parola e delle immagini che indicano la possibilità concreta di vivere un mondo dove  tutto è possibile , dove regni la fantasia. Ancora oggi si vuole rivalutare il valore educativo  della favola come mezzo indispensabile per vincere una battaglia con altre forme di  comunicazione che spesso condizionano il bambino nelle sue scelte più importanti,  rendendolo vittima e non protagonista del suo processo educativo. La maga è stanca, non c’è la fa più. E’ stata maga, fata, strega insomma ha realizzato i sogni dei protagonisti delle fiabe, delle favole. Adesso i tempi sono cambiati, la nuova generazione non legge più le favole, la maga è in crisi. Un gruppo di amici le propone di cambiare lavoro, di diventare attrice. In fondo anche recitare fa parte della magia. Contenta di questa idea ha scorre in rapida successione le favole che ha vissuto da “deus ex machina”, e da questo curioso flash-back un a in particolare colpisce il suo ricordo: Cenerentola. Chiamati i suoi amici a rapporto, assegna ad ognuno di loro un ruolo, per poter raccontare la favola. Ognuno propone di raccontarlo con una tecnica di espressione artistica diversa. La maga decide allora di usare la recitazione, la danza ed il canto coinvolgendo, in qualche momento dello spettacolo anche il pubblico. I personaggi si trasformano da narratori a protagonisti in un curioso gioco di ruoli. Lo spettacolo ha la durata di un’ora ed è indicato per tutte le età”.




Local Genius
www.localgenius.eu
27 gennaio 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook