Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Tutela della fauna ittica e disciplina della pesca nelle acque interne: la Regione Emilia Romagna approva progetto di legge

La Giunta regionale dell'Emilia Romagna - si legge in una nota stampa della Regione, pubblicata sul sito ufficiale - ha approvato, su proposta dell’assessore all'Agricoltura e all'Economia ittica Tiberio Rabboni, il progetto di legge “Norme per la tutela della fauna ittica e dell’ecosistema acquatico e per la disciplina della pesca nelle acque interne”, che dovrà essere ora sottoposto all’Assemblea Legislativa per l’esame e l’approvazione definitiva. Il testo - si legge sempre nella nota stampa diramata il 7 agosto 2012, e che riportiamo qui di seguito integralmente - si compone di 29 articoli e unifica in una unica legge regionale le disposizioni relative alla pesca sportiva, professionale e all’acquacoltura, nonché le disposizioni relative alle licenze per l’esercizio della pesca nelle acque interne, introducendo alcune importanti novità, attese dal mondo piscatorio, ambientalista e dalle amministrazioni locali. "Con questo progetto riformiamo norme risalenti agli anni 1978 e 1993 - spiega l'assessore Rabboni - seguendo quattro grandi obiettivi di modernizzazione della pesca: una maggiore tutela delle specie autoctone a rischio di estinzione e in generale della fauna ittica locale, il ringiovanimento dei praticanti, la riduzione degli oneri burocratici, la valorizzazione del volontariato e della pesca nelle aree di interesse turistico. Una pesca al passo con i tempi, in grado di soddisfare le aspettative degli appassionati e degli sportivi, le regole della sostenibilità ambientale e i progetti di valorizzazione locale delle risorse naturali". Sono 66.771 i cittadini che in Emilia-Romagna - precisa la nota stampa della Giunta regionale - possiendono la licenza di pesca (dati 2011). Le Province con il maggior numero di pescatori sportivi sono Bologna, con circa 20 mila praticanti, e Ferrara con 18 mila. Nel testo del progetto di legge la tutela del patrimonio ittico autoctono viene rafforzata con il divieto alla immissione di specie ittiche alloctone, con il divieto di cattura delle rane verdi, con disposizioni per la gestione sostenibile dell’anguilla e il contenimento di specie particolarmente invasive come il siluro, nonché con l'obbligo del recupero e della salvaguardia della fauna ittica prima di avviare lavori di movimentazione e scavo in alveo fluviale. “Per ringiovanire e ampliare la base dei praticanti abbiamo deciso di introdurre l'esonero dal pagamento della licenza per i giovani fino ai 18 anni, a patto che frequentino un breve corso di avvicinamento organizzato dalle associazioni di pesca - aggiunge Rabboni -. Saranno esentati anche coloro che hanno superato i 65 anni e le persone disabili. Inoltre gli Enti locali potranno affidare alle associazioni di volontariato piscatorio la gestione della conservazione e valorizzazione delle specie ittiche autoctone. La nuova legge introduce inoltre la possibilità, previo nulla-osta della Regione, di istituire in zone di particolare rilevanza turistica aree di pesca regolamentata affidate in gestione ai Comuni interessati, che possono rilasciare permessi a pagamento e che dovranno destinare obbligatoriamente i proventi ad azioni di tutela e riqualificazione dell’habitat, all’immissione di materiale ittico, all’attività di sorveglianza". Il progetto di legge - conclude la nota stampa della Regione Emilia Romagna - prevede inoltre alcune semplificazioni, come la sostituzione della licenza di pesca sportiva con la ricevuta di versamento della tassa di concessione e l’istituzione del Sistema per la gestione informatizzata della pesca sportiva, che a breve renderà possibile il pagamento on line delle relative tasse di concessione.




Local Genius
www.localgenius.eu
8 agosto 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook