Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Tutela della qualità dei prosciutti Dop: Coldiretti plaude a Nas di Cremona


"Le frodi a tavola sono quelle più temute dagli italiani con sei cittadini su dieci (60 per cento) che le considerano più gravi di quelle fiscali e degli scandali finanziari, poiché possono avere effetti sulla salute". E’ quanto afferma la Coldiretti "sulla base di una indagine Swg nel commentare positivamente il sequestro di 2.300 prosciutti Dop da parte dei Nas di Cremona in una quarantina di stabilimenti di stagionatura emiliani e friulani perchè provenienti da maiali nutriti con rifiuti speciali, cioè scarti dell'industria alimentare che dovevanoessere smaltiti negli impianti di biogas". "Gli ottimi risultati dell'attività di controllo confermano - sottolinea la Coldiretti in una nota stampa diramata il 19 luglio e che riportiamo qui di seguito integralmente - la necessità di tenere alta la guardia contro le frodi a tavola, che mettono a rischio la salute dei cittadini e fanno concorrenza sleale alle imprese che sono impegnate nel mantenere alti standard di qualità". "Un pericolo che - precisa la Coldiretti - si amplifica in un momento di crisi in cui da una parte aumenta il rischio che per risparmiare vengano utilizzati prodotti o processi produttivi pericolosi e dall’altra cresce il numero di coloro che sono costretti ad acquistare prodotti alimentari a basso prezzo". "Un inganno che tra frodi e falsificazioni precisa la Coldiretti - sottrae all'agroalimentare nazionale ben 164 milioni al giorno che potrebbero invece generare reddito e occupazione". "La credibilità conquistata dai produttori italiani nel garantire la qualità delle produzioni - afferma la Coldiretti - è un patrimonio da difendere nei confronti di quanti con le frodi e la contraffazione cercano di sfruttare la fiducia acquisita per fare affari. La contraffazione alimentare - conclude la Coldiretti - è un crimine particolarmente odioso perche si fonda soprattutto sull'inganno nei confronti di quanti, per la ridotta capacita di spesa, sono costretti a risparmiare sul cibo".




Local Genius
www.localgenius.eu
19 luglio 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook