Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Il vino è anche tecnologia e accessori. Al Vinitaly 2013 le tante novità di Enolitech

Local Genius ha incontrato numerosi espositori che ci hanno parlato di soluzioni per la lavorazione, in tutte le fasi, di olive e uva: dal frutto alle bottiglie

Vinitaly 2013, botti esposte ad Enolitech. Altre immagini...

Vinitaly 2013, botti esposte ad Enolitech. Altre immagini nella Galleria fotografica

Vi sarete spesso chiesti cosa ci sia dentro una bottiglia. Meno frequentemente, con tutta probabilità, vi sarete soffermati su tutta quella serie di pratiche e passaggi necessari a trasformare i frutti della terra in ciò che degustate da un bicchiere o da un piatto. “Enolitech. Salone Internazionale delle Tecniche per la Viticoltura, l’Enologia e delle Tecnologie Olivicole ed Olearie” dal 1998 racconta questo viaggio. Nato come evento collaterale nell’ambito di Vinitaly, la cui quarantasettesima edizione si è svolta dal 7 al 10 aprile, ne è ormai diventato parte integrante, così come le aziende che espongono negli spazi di Enolitech lo sono nell’ambito delle filiere produttive. Local Genius, che ha seguito con grande attenzione la kermesse veronese, ha compiuto questo percorso ideale dalla vigna al bicchiere, dall’uliveto al piatto, incontrando le aziende negli stand del padiglione F, allestito contestualmente alla grande area espositiva riservata alle imprese vitivinicole e a quella dedicata a Sol&Agrifood, la Rassegna Internazionale dell’Agroalimentare di Qualità. Da sempre Vinitaly si caratterizza per la capacità di incentivare e catalizzare i rapporti tra le cantine espositrici e gli altri operatori connessi a questo comparto produttivo. La concomitanza con Enolitech accentua questo indirizzo di carattere comunicativo e commerciale, ampliando la gamma delle possibilità e stimolando i vari attori del settore a interagire in maniera proficua.


Local Genius, nella sua attenta visita agli stand di Enolitech, ha cercato di coglierne gli aspetti più significativi e rappresentativi, ascoltandone in presa diretta i protagonisti. Partiamo dalle olive. Bosco S.r.l.,nata negli anni ‘60 come impresa familiare rivolta alla costruzione di macchine agricole per la zootecnia, si è in seguito specializzata nella progettazione e nello sviluppo di macchine per l’olivicoltura. In seguito si è concentrata sulla realizzazione di strumenti finalizzati alla raccolta di frutti pendenti, privilegiando tecnologie innovative e versatili e ottimizzandole per consentire di velocizzare le operazioni di raccolta senza intaccare l’integrità della pianta e dell’oliva. Attualmente l’azienda collabora strettamente con una fitta rete di rivenditori mettendo a disposizione del mercato italiano e spagnolo un’ampia scelta di macchine, tra cui motoraccoglitrici, andatrici semoventi, semoventi telescopici con testata vibrante,polivalenti e accessori, testate vibranti, cernitrici. A Enolitech, nello spazio dedicato, la Bosco ha esposto la nuova F803T che, nata originariamente per le operazioni di raccolta, si è trasformata in uno strumento polifunzionale grazie ad un sistema di aggancio rapido che permette di sostituire l’attrezzatura di partenza con altri accessori, quali, ad esempio, pale, trince e forche di sollevamento.


Passiamo al settore vitivinicolo. La Plastic Box S.r.l., specializzata nella produzione di casse e pallet in plastica che trovano il loro impiego in diversi settori merceologici ed industriali. L'ampia gamma di prodotti comprende casse in plastica per prodotti ortofrutticoli, avicoli ed ittici, oppure inseribili o sovrapponibili, grandi fusti a tenuta stagna per prodotti agro-industriali. In occasione di Enolitech l’azienda ha messo in primo piano un moderno sistema per lo stoccaggio, il trasporto e l’appassimento dell’uva: Super Plateau M.A. Progettato e brevettato da Plastic Box, rappresenta una soluzione all'avanguardia per le imprese che utilizzano la tecnologia dell'appassimento delle uve. La stretta collaborazione con le maggiori case vinicole ha permesso di studiare accorgimenti e soluzioni costruttive che rispecchiano appieno le esigenze dell'utilizzatore finale, in tutte le fasi del processo, fino alla vinificazione. La totale apertura sui lati corti costituisce l'elemento realmente innovativo di Super Plateau M.A., permettendo, da una parte, la libera circolazione del flusso d'aria, a diretto beneficio del prodotto custodito, dall'altra, lo svuotamento automatico dell'intero contenuto alla fine del processo. La movimentazione e lo svuotamento sono agevolati dall’utilizzo di carrelli e di un apposito rotore.


Ed eccoci giunti nell’area dei bottai, dove espone la Garbellotto, storica azienda veneta che affonda le proprie radici nell’antica tradizione degli artigiani del legno. Si specializzò sin dalla fine del 1800 nella produzione di botti, raggiungendo livelli qualitativi tali da consentirle di diventare fornitrice delle cantine della casa reale austriaca. Resistendo a due guerre mondiali e alla crisi che investì il settore negli anni Ottanta dello scorso secolo, la Garbellotto è ormai annoverabile tra le aziende leader del settore. Professionalità, affidabilità e capacità di rispondere dinamicamente alle esigenze dei clienti, sono le armi vincenti di una realtà imprenditoriale che, presente sul mercato sin dal lontano 1775, ha fatto della qualità un punto di forza e ha saputo rinnovarsi costantemente. Accanto alla consueta e consolidata produzione di botti, tini e barriques di ogni forma, dimensione e specie legnosa, l’azienda propone un originale sistema brevettato e  pensato per le piccole cantine: Experience. L’ultimo nato dei laboratori Garbellotto si delinea come risposta autorevole ai cambiamenti di un mercato in continua evoluzione, rispondendo anche alle esigenze di attività del settore vitivinicolo di piccole dimensioni e ottimizzandone costi e sforzi attraverso l’utilizzo di un prodotto agile, pratico e funzionale.


La propensione a realizzare cicli produttivi sempre più automatizzati e dal basso impatto ambientale, insieme alla necessità di ridurre i costi di produzione lasciando però inalterate tutte le tipicità del vino trattato, è oggi prerogativa della maggior parte delle aziende vitivinicole. Ecco perché Della Toffola Group, che si inserisce nel panorama delle aziende fornitrici del settore enologico, ha sviluppato un nuovo sistema di filtrazione tangenziale attraverso l’utilizzo di membrane ceramiche che vanno a sostituire i tradizionali materiali organici. I vantaggi sono molteplici: durata, portata e possibilità di sanitizzazione, mantenimento di tutte le caratteristiche di tipicità proprie del vino, possibilità di cicli di lavoro completamente automatici che non richiedono la presenza di un operatore. Guidata dai fratelli Vittorio, Francesco e Luciano ai quali si è già da tempo affiancata la terza generazione, pone molta attenzione alle economie di esercizio delle varie tecnologie proposte. Anche in questo caso la parola d’ordine è “ottimizzazione”.


Ma una volta prodotto, il vino va poi imbottigliato e “vestito”. L’etichetta e, in generale, l’aspetto dell’involucro esterno, sono elementi fondamentali al fine di renderlo accattivante e conquistare l’attenzione dei potenziali acquirenti. La Sleever International, con i suoi trenta anni di esperienza nel settore, offre una vasta gamma di servizi, che vanno dalle operazioni di rivestimento, cui segue l’integrazione delle informazioni promozionali e dei visual inerenti al prodotto, al marchio e alla carta grafica del cliente che vengono restituiti fedelmente, fino ad arrivare alla cura dei dispositivi destinati alla protezione, all’anticontraffazione e all’antitaccheggio. Ai citati aspetti funzionali si aggiunge la capacità di elaborare grafiche seducenti, adatte a selezioni o special edition, destinate per lo più a target di alto livello e a quelle fette di mercato internazionale in cui, ormai, l’eccellenza del made in Italy viene considerata uno status symbol.


“ACV System – Il tappo che elimina il sapore di tappo”. Questo lo slogan formulato dal Sugherificio LTS per un innovativo sistema di sterilizzazione dei tappi naturali in grado di garantire un TCA (molecole di origine fungina che alterano il gusto) inferiore ad un nanogrammo per litro. La procedura, particolarmente adatta per i vini di fascia alta, permette di ridurre notevolmente le problematiche legate a questa tipologia di turacciolo. Un’altra novità è rappresentata da MicroLTS, in sughero microgranulato con microsfere in silicone, adatto a vini di fascia media con 3/4 anni di conservazione, che annulla la fastidiosa insorgenza del gusto di tappo. L’Azienda, nata nel 1976, è ubicata ai piedi della Franciacorta, territorio strategico per il settore vinicolo. La mission della società, guidata da Manlio Sordi, è quella di realizzare prodotti ad elevata affidabilità, anche nelle tipologie a basso costo.

 
Restiamo nell’ambito delle attività di imbottigliamento e sigillatura con Sincera Sistemi, che a Enolitech ha esposto la macchina brevettata semiautomatica “Sincera”, nella versione per una e due bottiglie, ideata per le sigillature con ceralacca e gommalacca. La ceralacca è da sempre utilizzata come sigillo di garanzia per vini di prestigio, ma nella fase di apertura rilascia schegge e detriti. La gommalacca, grazie alla sua maggiore duttilità, che permane allo stato solido, diventa pertanto un ottimo sostituto, in quanto è facile da togliere, non si sbriciola e si taglia con il coltello. L’automatizzazione della fase di sigillatura, solitamente effettuata a mano, agevola l’esecuzione, ottimizza i tempi e limita il rischio di sbavature. Sincera è pertanto una macchina utile a quelle aziende che interpretano la ceratura come sigillo di garanzia ed esaltazione della qualità di un prodotto dalle antiche tradizioni. 

 
“Wine concepts for wine lovers” è invece il motto della Pulltex, importante marca di accessori che offre una vasta gamma di prodotti professionali per gli amanti del vino. Tra i tanti complementi esposti nello stand aziendale segnaliamo AntiOX, un tappo antiossidante che presenta al suo interno un dispositivo composto da un sistema rivoluzionario brevettato, il quale interrompe l’ossidazione del liquido presente nella bottiglia, evitando la produzione di acido acetico e preservando l’integrità del vino che conserva così le proprie qualità organolettiche. Per un corretto funzionamento si consiglia di mantenere la bottiglia in posizione verticale.


Altro importante settore di riferimento per le case vitivinicole, specie quelle di piccole dimensioni, è rappresentato dalle aziende che offrono servizi di logistica e trasporto su lunghe distanze. A Enolitech abbiamo incontrato la JF Hillebrand, nata nel 1844 da un’idea imprenditoriale di Johann Friedrich che, seguendo la tradizione di famiglia, stabilì sul fiume Reno una piattaforma adibita al noleggio, offrendo servizi di carico, scarico e svolgendo anche il compito di accompagnare la merce negli attraversamenti doganali. L’intuizione dell’utilità di questo tipo di attività, affinatasi e adattatasi ai mutamenti politici, economici e sociali nel corso di quasi due secoli, ha condotto oggi la JF Hillebrand ad affermarsi come una delle aziende leader nel settore delle forniture di servizi di deposito e trasporto. Uno dei motti aziendali, che ne sintetizza la filosofia, non casualmente è  “100% Local, 100% Global”.


Parliamo ancora di trasporto, anche se in questo caso le distanze diventano più brevi. “Taxi. Move your wine” e “Silibox” sono due degli articoli disegnati e realizzati dalla famiglia Silingardi di Vedano al Lambro (MB), che con il marchio Silboard produce imballaggi in legno dal 1954. Grazie alla tenacia del fondatore Oreste, alla vivace inventiva del figlio Nando e alla perseveranza e lungimiranza dei nipoti Andrea e Alberto, è giunta alla terza generazione ed è diventata nel corso degli anni azienda di riferimento nel campo del packaging in legno. Prodotti leggeri, maneggevoli, scomponibili e ricomponibili e, al contempo,  oggetti di design. Come le scatole brevettate con fondo autoportante e riutilizzabili, che abbiamo visionato direttamente e che ripropongono nella decorazione celebri temi della pop art, con un forte richiamo alle opere di Andy Warhol.


Passiamo ora al settore Horeca con Wineplease, un dispositivo prodotto dalla Cioncolini S.r.l. (Terranuova, Bracciolini, Arezzo) per l’erogazione del vino al bicchiere, che utilizza un sistema ad azoto per la conservazione delle caratteristiche organolettiche del vino, sia bianco che rosso, per una durata di quattro settimane. L’ultimo nato della gamma è Sparkling, un erogatore altamente tecnologico e funzionale, destinato a champagne e spumanti. Un’interfaccia touch screen consente l’impostazione dei programmi e il controllo dei parametri per la corretta conservazione del prodotto, preservandone le proprietà organolettiche e la tenuta del perlage.


Ideale per l’uso domestico, ma non solo, è invece Refrì, un sistema di refrigerazione basato sull’utilizzo di un gel in grado di accumulare freddo e di rilasciarlo gradualmente, permettendo così a cibi e bevande di mantenere una temperatura da frigo per almeno tre ore dal momento di estrazione dal freezer o dalla borsa termica. Una vasta gamma di accessori lo rende versatile ed utilizzabile nelle più svariate occasioni, dall’uso casalingo, al pic-nic, al catering. La semplicità di utilizzo, la polivalenza, la praticità e il prezzo contenuto ne fanno un prodotto interessante.


Altra segnalazione per la Dag Style, che con i suoi “Menu Moda” trasmette ai portamenu, ai coordinati da tavola, agli espositori, alle lavagne e alla segnaletica per l’allestimento dei ristoranti tutto il gusto e l’eleganza del design italiano. Nota di merito per gli “Eco Menu”, realizzati attraverso la reinterpretazione del materiale utilizzato per le etichette dei jeans, costituito prevalentemente da cellulosa, lavabile e resistente all’usura. Con cinque varianti di colore che ricordano le sfumature della terra, i coordinati di questa linea rappresentano una scelta alla moda in chiave eco-sostenibile e sono indice di sensibilità nei confronti dei temi legati alla salvaguardia e alla tutela ambientale.


Concludiamo la nostra carrellata cercando di quadrare il cerchio, anzi la botte. Il riferimento non è affatto casuale. A Enolitech abbiamo infatti incontrato Cyrille Savioz, fondatore di BarriCube e inventore delle botti angolari che, come si può facilmente evincere dal nome, sono a forma di cubo. I legni utilizzati sono di alta qualità e tutte le parti metalliche vengono realizzate in acciaio inox. Non ci soffermeremo su eventuali differenze tecniche tra le botti tradizionali e la BarriCube, certo è che Savioz merita senz’altro una segnalazione per il coraggio dimostrato nell’intraprendere una rivoluzione culturale, ancor prima che tecnologica.


L’arte del vino, che affascina milioni di consumatori più o meno esperti, anche quando è condotta a livello artigianale, ha una forte componente tecnologica che Local Genius ha voluto tener presente considerando anch’essa come una significativa espressione del genius loci. (Antonella Iacobino)
 




Galleria Fotografica
Local Genius
www.localgenius.eu
18 aprile 2013

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook