Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Hotel Marconi Patea Me li cucco salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Dotro libro briganti Colacino Wines Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Vitigni autoctoni di Calabria e il lavoro della Criserà. Armacìa, che sorpresa!

Una interessante giornata vitivinicola a Catona, frazione di Reggio Calabria. Tra le vigne del pianoro di Arghillà e le degustazioni di diverse etichette

Enzo e Franco Tramontana, titolari delle Cantine Criserà di...

Enzo e Franco Tramontana, titolari delle Cantine Criserà di Reggio Calabria (Catona), fotografati nella loro cantina enoteca

C’è una Calabria tutta da scoprire e da valorizzare, da inserire in una rete di percorsi positivi, da valorizzare in quanto capace di generare benessere diffuso, nonché di prestarsi come esempio contro ogni forma di degenerazione clientelare e parassitaria. Nell’ambito dell’ormai tradizionale manifestazione nazionale denominata Cantine Aperte, ideata e portata avanti dal Movimento Turismo del Vino, abbiamo seguito in presa diretta l’appuntamento proposto dalle Cantine Criserà di Reggio Calabria. Per l’esattezza questo storico presidio del vino reggino si trova a Catona, grande quartiere della periferia nord della Città dello Stretto. Diciamolo subito, senza indugiare in presentazioni che avrebbero il sapore della facile retorica: l’impressione che abbiamo colto da questa visita è stata molto positiva. Anzi, per certi aspetti entusiasmante.

 

Le Cantine Criserà hanno un’anima, sono fatte da persone e da sentimenti forti prima che da vigneti, botti e bottiglie di rossi e di bianchi. La famiglia Tramontana ci ha accolti con grande senso dell’ospitalità, e anche con l’orgoglio che nasce dall’essere riusciti a realizzare, nel tempo, qualcosa di buono, di utile per se stessi e per la collettività. L’impianto di produzione è stato affiancato da una suggestiva enoteca-bottaia. E’ proprio in quello spazio, curato nei particolari ma senza enfasi, che sono stati messi in mostra i gioielli e le memorie di un’attività plurigenerazionale: dalle fotografie con avi e bisnonni, alle immagini ingiallite di vecchie scene enologiche, alle nuove barriques, alle tante etichette suddivise per qualità e per prezzo, alle botti più grandi dalle quali si spilla il cosiddetto vino sfuso. Franco ed Enzo Tramontana, assieme agli altri congiunti e alle mogli, ma anche le nuove generazioni, come nel caso dell’attivissima Francesca, già incontrata all’ultima edizione del Vinitaly, hanno accompagnato i visitatori in questo viaggio tra vigneti del pianoro di Arghillà e singoli momenti produttivi della cantina, tra degustazioni di vino e prelibatezze gastronomiche.

 

Le preziose spiegazioni tecniche dell’agronomo Rosario Previtera, con il quale condividiamo spesso eventi legati all’enologia e alla promozione del sistema agroalimentare regionale, hanno arricchito di ulteriori positivi contributi una giornata che ha reso onore alla Calabria che lavora. Le Cantine Criserà meritano attenzione non solo per la qualità delle etichette prodotte, ma anche e soprattutto perché contribuiscono fortemente a difendere alcune peculiarità del territorio reggino che, per quanto ci riguarda, dovrebbero essere centrali e strategiche in ogni serio progetto di promozione economica e turistica. Le “armacìe”, i muretti a secco della Costa Viola che trattengono lembi di terra lottando contro le leggi della fisica, lungo colline fortemente scoscese e digradanti a strapiombo verso il Tirreno, sono un esempio vivente di “archeologia agricola”. Dai vitigni autoctoni coltivati sui bordi di questi muretti a secco, è nata l’etichetta Armacìa che Previtera e fratelli Tramontana hanno allevato assieme. Un uvaggio complesso e una tecnica di produzione molto attenta e particolare danno origine a un vino che parla reggino, che trasmette le sensazioni più intense di un tratto di costa superlativo, che con la sua sapidità ci richiama i vigneti affacciati sul mare. Tanti diversi produttori conferiscono le proprie uve, raccolte peraltro in fasi diverse di maturazione, alla cantina Criserà, che quindi diventa anche punto di riferimento in termini di tessuto economico diffuso e policentrico.

 

Abbiamo apprezzato molto, nonostante il pranzo luculliano che ne aveva preceduto la degustazione, anche lo Stretto Passito Igt. Una delle aree più soleggiate della Penisola non può che dare vita a vini da meditazione complessi e profumatissimi. Lo Stretto Passito Igt nasce da Greco Bianco e da Moscato di Alessandria (Zibibbo locale). Il primo vitigno viene appassito su graticci, il secondo resta a maturare su pianta per altri quindici giorni dopo che abili mani, con rapida azione di torsione del peduncolo, hanno impedito che al grappolo giunga nuova linfa. Segnaliamo, quale prodotto di punta della Criserà, anche il Nerone, un originale blend di Calabrese e Sangiovese che pretende rispetto. Non possiamo chiudere queste brevi riflessioni senza ricordare che le “Cantine Aperte” di Criserà sono state ulteriormente arricchite anche da una giovane contaminazione artistica: musica, realizzata anche con la riscoperta di strumenti della tradizione calabra, e pittura. Si fa difficoltà a dirlo, se si pensa alla condizione generale di una regione mal governata e devastata da secoli: c’è una Calabria sana, laboriosa, tenace e positiva che porta avanti, spesso in silenzio, la propria missione. Proviamo a metterla in rete e a farla emergere!




Local Genius
www.localgenius.eu
25 luglio 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook