Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

Zafalìa: borse e accessori con tessuti hi-tech, innovativi e molto colorati

All’Artigiano in Fiera di Milano un esempio di creatività Made in Calabria. Prodotti versatili e inalterabili

Alcune delle creazioni di Zafalìa, esposte...

Alcune delle creazioni di Zafalìa, esposte all'Artigiano in Fiera, a Milano. Creatività Made in Calabria

Si è tenuta presso il polo fieristico di Rho (Milano), la diciassettesima edizione de “L’Artigiano in Fiera” dove, dall’1 al 9 dicembre 2012, i visitatori hanno avuto la possibilità di apprezzare ed acquistare i prodotti e le tipicità delle venti regioni italiane e di alcuni paesi del mondo. La Calabria ha trovato spazio nel padiglione 3, predisposto da Unioncamere e dalla Regione (a cura degli Assessorati all’Internazionalizzazione e all’Agricoltura). Erano 62 le aziende espositrici, afferenti in prevalenza al settore agroalimentare. Un tripudio di profumi, sapori e colori, con predominanti note di rosso manifestate da tutte le declinazioni del piccante. Ma i colori non sono stati solo quelli dei cibi, essendo presenti anche numerosi artigiani con accessori moda, ceramiche, oggettistica. Particolarmente vivace e attraente è risultato lo stand delle creazioni Zafalìa (della Joe Albanese, azienda operante nel settore della teloneria), che ha esposto borse ed accessori dai toni vivaci e dall’aspetto hi-tech. La creativa del marchio è Antonella Iemma la quale, accompagnata dalla giovane figlia Martina, ci ha raccontato la sua esperienza pregressa nel campo dell’alta moda, dove – ha affermato la stilista - ha sviluppato il proprio estro ed ha affinato le tecniche sartoriali. Il nome del marchio deriva da un termine dialettale di uso comune: “Zafalìa” significa “pioviggina” – ha spiegato Antonella Iemma – aggiungendo che tale nome è stato scelto in stretta connessione con i materiali impiegati per confezionare i manufatti. “Utilizziamo - ha precisato - teloni di camion, coperture di piscine e tendaggi in Pvc. Decisiva la loro qualità idrorepellente, ignifuga e resistente all’usura”. Prodotti innovativi, dunque, e al passo con le frenetiche esigenze di cittadini moderni ed impegnati, che necessitano di prodotti versatili e, al contempo, durevoli ed inalterabili. Diverse sono le linee delle collezioni Zafalìa che si rivolgono ad un target ampio e trasversale: dallo studente al professionista. Tracolle, borse da lavoro, da viaggio e da palestra, cartelle portadocumenti, accessori per il tempo libero, realizzati con creatività e maestria attraverso l’assemblaggio di materiali insoliti, che vanno a comporre un multiforme ed eclettico mosaico di colori. Sul sito ufficiale (www.zafalia.com), unico mezzo con cui l’azienda commercializza i propri prodotti, è possibile esplorare questo mondo ed acquistare, rigorosamente online: avvalendosi dell’e-commerce come unico canale distributivo, l’azienda ribadisce il proprio carattere moderno, dinamico e globale.


Ma l’originalità e la modernità, oltre che la versatilità e la resistenza, non sono gli unici elementi che caratterizzano le creazioni di Zafalìa, le cui tendenze sono saldamente vincolate alla sfera dell’ecosostenibilità: le borse, e l’intera gamma di accessori, sono realizzati attraverso il recupero di materiali  Pvc da scarti di lavorazione, derivanti dalla produzione di coperture e riutilizzati “per evitare inutili sprechi, consentendoci di perseguire una filosofia mirata al rispetto per l’ambiente e all’esigenza, sempre più pressante, di non disperdere inutilmente le risorse a disposizione”. Gli “sfridi”  (termine tecnico con cui vengono indicati i residui dei teloni) - ha aggiunto Antonella Iemma – vengono puliti e igienizzati. Segue il processo di lavorazione manuale di taglio, assemblaggio e messa in opera. E’ la base di un progetto di riuso e riciclo di materiali che hanno perso il loro impiego originario e possono invece essere impiegati vestendo altre forme”. E di forme e colori, le creazioni di Zafalìa, si servono per rendere accattivante un prodotto che porta con sé un connubio del tutto particolare tra tradizione e innovazione: l’arte del cucito, fatta di manualità esperta e di una scelta accurata dei materiali, di conoscenze che entrano nel merito dell’ergonomia, fino ad arrivare alla modernità di oggetti che, spesso, proprio perché confezionati a mano, sono unici e irripetibili. (Antonella Iacobino)


IN ALLEGATO UN'ALTRA IMMAGINE DI CREAZIONI ZAFALIA

Visualizza Allegato 1



Local Genius
www.localgenius.eu
27 dicembre 2012

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook