Notizie Flash
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius
Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche «Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e... LocalGenius

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Iozzo Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali luoghi aziende commenti

Arco Calabro, terremoti ed eruzioni: pubblicate nuove importanti ricerche

Individuato sotto il fondale del Mar Ionio un sistema di faglie che ha controllato l’evoluzione dell’antico oceano della Tetide e che è ancora in grado di innescare processi vulcanici e sismici

Mappa strutturale del complesso di subduzione dell’Arco...

Mappa strutturale del complesso di subduzione dell’Arco Calabro occidentale (particolare di immagine allegata alla nota stampa). In allegato l'immagine a dimensione intera

«Un sistema di spaccature profonde sta separando la Sicilia dal resto dell’Italia nella regione compresa tra lo Stretto di Messina e l’Etna. Lungo queste strutture geologiche risale materiale del mantello che formava il basamento dell’oceano mesozoico, chiamato Tetide, da una profondità di circa 15-20 chilometri. Si tratta di una vera e propria finestra sotto il fondale del Mar Ionio, che consente di osservare da vicino blocchi dell’antico oceano, svelando i processi che hanno portato alla sua formazione. Lo studio Lower plate serpentinite diapirism in the Calabrian Arc subduction complex, condotto da un team di ricercatori dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr) di Bologna, dell’Università di Parma, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e del Geomar (Kiel, Germania), è stato pubblicato su Nature Communications». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata dal Cnr il 22 dicembre 2017, e che riportiamo integralmente.
 
“Le faglie lungo le quali risale il mantello della Tetide”, spiega Alina Polonia, ricercatrice Ismar-Cnr e coordinatrice della ricerca, “controllano anche la formazione del Monte Etna, dimostrando che si tratta di strutture in grado di innescare processi vulcanici e causare terremoti. Queste faglie, infatti, sono profonde e lunghe decine di chilometri, e separano blocchi di crosta terrestre in movimento reciproco”. «Attraverso uno studio multi-disciplinare, che integra immagini acustiche del sottosuolo, dati geofisici e campioni di sedimento, acquisiti nel corso di spedizioni scientifiche con la nave oceanografica del Cnr Urania, è stato possibile identificare le faglie, ricostruire la loro geometria e scoprire - precisa la nota stampa - anomalie geochimiche nei sedimenti legate alla presenza di fluidi profondi. L’analisi di tutti i dati raccolti ha permesso di proporre un modello geologico che conferma l'origine profonda del materiale in risalita lungo le faglie».
 
“Grazie a questa scoperta - prosegue Alina Polonia - l’Arco Calabro, il sistema di subduzione tra Africa ed Europa nel Mar Ionio, ha un importante primato: è l’unica regione al mondo in cui sia stato descritto materiale del mantello in risalita dalla placca in subduzione. Questa scoperta avrà importanti implicazioni per capire meglio come si formano le catene montuose e come questi processi siano legati ai forti terremoti storici registrati in Sicilia e Calabria”.
 
Immagine pubblicata (scheda a cura di Ingv): “Mappa strutturale del complesso di subduzione dell’Arco Calabro occidentale con la distribuzione dei diapiri di serpentino (aree in rosso) scoperti lungo le faglie che stanno separando la Sicilia dal resto dell’Italia. La linea sismica in alto a destra mostra uno di questi diapiri che risale lungo la faglia. La sezione B‐B’ è ortogonale al margine continentale e illustra il controllo esercitato dalle faglie sulla formazione del monte Etna e dei diapiri di serpentino che sono alimentati direttamente dal mantello della placca africana”.


Allegato 1, immagine
Mappa strutturale del complesso di subduzione
dell’Arco Calabro occidentale

Visualizza Allegato 1



Local Genius
www.localgenius.eu
27 dicembre 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook