Notizie Flash

Altre News >>


menu categoria camera di commercio regioni province comuni governo europa paesi extra UE universita e ricerca sindacati aziende flash agroalimentare allevamenti e pesca viti vini e cantine olivicoltura salumi latticini miele artigianato fiere flash menu categoria mass media web gastronomia e cibi ristorazione alberghi agriturismi libri e riviste turismo ed itinerari musica e folklore evidenza local genius club rassegna stampa Dotro Patea Colacino Wines salumi sap Frammartino libro cucina localgenius bergamotto Me li cucco libro briganti Hotel Marconi Rubino Monardo sponsor Rubino Integra Vinitaly 2014 Istituto Agrario Catanzaro Video Calabria magazine-localgenius Fruit banner DOP JGP antonio-jerocades web tv calendario-eventi servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali servizi-speciali

È “boom” del bambù in Lombardia, c’è anche una formaggella aromatizzata!

Coldiretti regionale: Le superfici sono raddoppiate in appena un anno passando da poco meno di 50 ettari nel 2016 a oltre cento nel 2017

Formaggella tradizionale aromatizzata con foglie di bambù...

Formaggella tradizionale aromatizzata con foglie di bambù bio (foto allegata alla nota stampa)

«Boom del bambù in Lombardia. Le superfici – spiega la Coldiretti regionale – sono raddoppiate in appena un anno passando da poco meno di 50 ettari nel 2016 a oltre cento nel 2017, concentrati in particolare nelle province di Brescia (34 ettari), Mantova (23 ettari) e Bergamo (13 ettari). A seguire: Cremona e Milano con 11 ettari a testa, Pavia con 8 e Lodi con 5. Una coltivazione che appena due anni fa era solo un decimo di quella attuale e che prima ancora non esisteva neppure. Esistono oltre 1.400 specie di bambù, ma le varietà che si trovano in Europa si adattano bene alle nostre condizioni ambientali, visto che alcune possono resistere fino a 30 gradi sotto zero. Dal bambù si ricavano due prodotti: la canna e il germoglio. I germogli si raccolgono in primavera e sono destinati all’uso alimentare. Le canne si raccolgono da novembre a febbraio a partire dalla fine del terzo anno di semina e possono essere utilizzate per la produzione di legno, filati, carta, biomassa per pellet e cippato». Lo si legge in una nota stampa ufficiale diramata il 7 settembre 2017 da Coldiretti Lombardia, e che riportiamo integralmente.
 
«Il boom della coltivazione di questa pianta ha portato anche a unire tradizioni diverse e dalle colline bergamasche – spiega Coldiretti Lombardia - è nata la prima formaggella tradizionale aromatizzata con foglie di bambù bio raccolte a mano, liofilizzate e sminuzzate che restano nell’impasto per tutto il periodo di affinamento e stagionatura. L’idea è stata messa in campo da Marianna Ziliati dell’azienda “Bambubio” che coltiva con metodo biologico il bambù a Treviglio e da Daniele Filisetti dell’azienda agricola “Filisetti Dino” di Endine Gaiano che produce formaggi con il latte delle sue mucche». “Il risultato finale – spiegano i due agricoltori - è un prodotto dal gusto delicato, con una consistenza abbastanza morbida a seconda del periodo di stagionatura, con l’interno e la crosta di colore leggermente verdi puntinati dai piccoli frammenti di foglie di bambù”.




Local Genius
www.localgenius.eu
8 settembre 2017

Invia questo articolo

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Condividi su Facebook